Carlo Goldoni
I puntigli domestici

ATTO SECONDO

SCENA SESTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Ottavio e Pantalone

 

OTT. I miei frutti? Le mie pere? La mia spalliera? Si provi, e se ne avvedrà.

PANT. Sior conte, son qua da ella; la perdona se son stà un pochetto tardi a vegnir. Gh'aveva un interesse de premura. L'ho fatto, ho disnà, e adesso son qua co la resposta de siora Beatrice.

OTT. M'immagino sarà una risposta piacevole. (con ironia)

PANT. In verità, che no ghe xe mal.

OTT. Vi ha detto che vuol farmi tagliare i frutti del mio giardino?

PANT. Eh! chi gh'ha contà ste fandonie?

OTT. Lo so di certo. Ma giuro al cielo, non lo farà.

PANT. Mi ghe digo, che no la gh'ha sti sentimenti.

OTT. E il quadro di sala, il ritratto di sua madre che sapete averlo fatto far io per accompagnare quegli altri, lo vuole in camera

PANT. A mi no la m'ha dito sta cossa.

OTT. Sapete quante volte si è conteso per questo.

PANT. Xe vero. Me l'arrecordo.

OTT. Ora non si contenderà più.

PANT. No? per cossa?

OTT. Io stesso gliel'ho mandato in camera.

PANT. Bravo! l'ha fatto ben.

OTT. Ma fracassato nel mezzo.

PANT. Oimei! l'ha fatto mal.

OTT. Pretende di voler tutto a suo modo? S'inganna.

PANT. Mo me despiase; me despiase assae. Mi l'aveva ridotta a contentarse de poco. Un atto de respetto de Brighella, una parola de bon amor de sior conte, bastava a metterla a segno, e tutto giera giustà. Vardè cossa fa la collera, cossa fa i trasporti. Adesso tutto xe sconcertà, bisogna tornar da capo, e far una fadiga da bestia.

OTT. Sono arrivato in tempo che faceva levare il quadro.

PANT. Chi sa per cossa che la lo fava levar? La m'ha dito una volta, che la ghe ne voleva un piccolo da tegnir in camera; e ho visto stamattina che la parlava con un pittor. Pol giusto darse che la volesse farlo copiar. (Vôi véder se podesse tacconar anca questa). (da sé)

OTT. Se voleva farlo copiare, doveva parlare con me.

PANT. Finalmente el xe el retratto de so siora madre; no la xe mo sta gran colpa. Cossa dirà el mondo de sta scena? Credela de esser lodà per sta bravura? I trasporti de collera fa sempre mal, e quell'omo che xe capace de frenar el primo impeto, el xe l'omo più felice del mondo. Non ostante, co s'ha fatto el mal, bisogna, se se pol, remediarghe; anderò mi da siora contessa, dirò che el xe stà un accidente, che el quadro xe cascà, lo faremo giustar, metteremo la cossa in taser. Do parole d'un bon amigo xe l'acqua più attiva e più valida per stuar el fogo tra do persone irritade.

OTT. Ma caro signor Pantalone, spicciamola una volta. Venghiamo a qualche dichiarazione. O mia cognata vuole la mia amicizia, e son pronto ad accordargliela; o si è posta meco in puntiglio, ed io lo sosterrò sino all'ultimo sangue.

PANT. No, sior conte, la vederà che siora Beatrice fa stima de ella. Qualche paroletta xe stada reportada. Ma la lassa far a mi, che tutto se giusterà.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License