Carlo Goldoni
I puntigli domestici

ATTO SECONDO

SCENA NONA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA NONA

 

Florindo, Ottavio, poi Corallina

 

FLOR. Che cosa rispondete alla signora Rosaura?

OTT. Or ora, lasciatemi parlare colla cameriera.

COR. (Se la padrona mi vedesse, povera me!) (da sé, spaventata)

OTT. Vieni avanti.

COR. Signore, ho paura.

OTT. Di chi?

COR. Della padrona.

OTT. Non temere di nulla. Il padrone sono io.

COR. L'ho sempre detto. La padrona è collerica, un giorno o l'altro mi manda via. Ma il padrone, che è tanto buono, non mi abbandonerà.

OTT. Dimmi, la contessina ti ha detto di dirmi nulla in vece?

COR. Poverina! se la vedeste! Fa compassione. Ha scritto quel viglietto, bagnando la carta colle lacrime. Mi ha detto che compatite se ha scritto male. Ha chiesto alla padrona di poter desinare nella sua camera, e invece di mangiare, poverina, scriveva con un occhio sul tavolino e l'altro alla porta, per timore di non esser sorpresa.

OTT. Ci rimedierò io. Permettete che vada a rispondere al viglietto di mia nipote.

FLOR. Sì, fatelo, ma con qualche risoluzione.

OTT. Lasciate il pensiero a me.

FLOR. Posso io sapere?...

OTT. Saprete tutto opportunamente. Attendimi colla risposta. (a Corallina, e parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License