Carlo Goldoni
I puntigli domestici

ATTO SECONDO

SCENA QUATTORDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUATTORDICESIMA

 

Brighella, poi Arlecchino

 

BRIGH. Vado osservando che le cosse in sta casa le va pezo che mai. No vorria che se tornasse da capo a parlar de mi. I strazzi va all'aria: no vorave mi tor de mezzo. Me despiase per Corallina; ma se no fusse per ella, anderave via a drettura. Ma ghe voio ben: ella me par che la me ne voia a mi. No vorave lassarla.

ARL. (L'è qua Brighella. Adesso sarave el tempo de servir Corallina; ma per farlo ben, no bisognerave aver paura). (da sé)

BRIGH. O paesan, ve saludo.

ARL. (Bisogna farse coraggio).

BRIGH. Coss'è? No se me responde? Voleu qualcossa?

ARL. Sior sì. Vôi qualcossa.

BRIGH. Da chi?

ARL. Da vu.

BRIGH. Son qua, disè su cossa che volè.

ARL. Se galantomo, ve sfido co la spada a la man.

BRIGH. Me sfidè co la spada a la man? Se pol almanco saver la rason?

ARL. La rason te la dirò, quando che t'averò mazzà.

BRIGH. Caro amigo, allora sarà troppo tardi. Feme el servizio de dirmela adesso.

ARL. (El vien co le bone, è segno che l'ha paura). (da sé)

BRIGH. E cussì? se pol saver?...

ARL. Sior sì. Ve la dirò. V'ho da cavar el cuor per parte de Corallina.

BRIGH. Adesso capisso. Vu campion de Corallina. Volè combatter per ella.

ARL. Sior sì e in premio del mio valore,

Averò la sua destra ed il suo cuore.

BRIGH. La so man? el so cuor? a vu? Corallina me vol morto? Se vol vendicar? Ah desgraziada! femena ingrata! traditora! sassina! (passeggiando e smaniando fra sé medesimo)

ARL. (Se vede che el gh'ha una paura de mi terribile. Bisogna farse coraggio). (da sé) Animo, se ti è galantomo, vien a combatter con mi.

BRIGH. No me degno de batterme con un omo de la to sorte.

ARL. Perché ti gh'ha paura.

BRIGH. Mi paura?

ARL. Sì, ti è un aseno. L'ha dito anca Corallina.

BRIGH. Corallina ha dito che son un aseno?

ARL. La l'ha dito in presenza mia.

BRIGH. (Ah, donna senza amor, senza cuor, senza fede, senza gratitudine, senza pietà!) (smania da sé, passeggiando)

ARL. (El gh'ha , el trema). (da sé)

BRIGH. (Me vien voggia de chiappar costù, e scannarlo co le mie man). (da sé)

ARL. Animo. Alle curte. Viente a far ammazzar.

BRIGH. Caro ti, làsseme star.

ARL. No ghremedio. Ti gh'ha da morir per le mie man.

BRIGH. Paesan, va via.

ARL. No ghremedio.

BRIGH. Va via, che sarà meggio per ti.

ARL. Ti gh'ha paura, ti.

BRIGH. Quel che ti vol; gh'ho paura, va via de qua.

ARL. Se ti ti gh'ha paura, mi son coraggioso, e me voio batter, e te voio mazzar.

BRIGH. E mi te digo...

ARL. No gh'è né digo, né desdigo; se ti è galantomo, vien fora de qua.

BRIGH. Arlecchin, te torno a dir: làsseme star.

ARL. Sangue de mi, vien fora de qua.

BRIGH. Ti vol che vegna?

ARL. Sì.

BRIGH. A batterme? con ti?

ARL. Sì, se ti è galantomo.

BRIGH. Son galantomo. Aspetteme qua. (parte, e torna subito)

ARL. (Corallina sarà vendicada).

BRIGH. Son qua. Ti vol che me batta con ti?

ARL. Sior sì, con mi.

BRIGH. Con ti me batto cussì. (lo bastona e parte)

ARL. Manco mal, Corallina sarà vendicada. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License