Carlo Goldoni
I puntigli domestici

ATTO TERZO

SCENA TREDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TREDICESIMA

 

Arlecchino, Corallina e Brighella nascosto.

 

ARL. L'è miracol che no me romp el collo. El me padron nol vien mai. Vôi véder se trovass Corallina.

BRIGH. Questo l'è Arlecchin. El vegnirà a trovar quella desgraziada. Ma el giusterò mi. (si ritira)

ARL. Mi no so dove diavol che vaga. Vardè che casa! Gnanca un lume in sala.

COR. Ehi! zi, zi.

ARL. Zi, Zi. (sempre sottovoce)

COR. Siete voi?

ARL. Son mi.

COR. Venite qui, caro, voglio sincerarvi.

BRIGH. (Maledetta!) (da sé)

ARL. Son qua.

COR. Desiderava tanto di parlarvi.

ARL. Anca mi.

COR. Io vi voglio tanto bene, e voi mi trattate così?

ARL. No ve tratto ben? La vendetta l'è fatta.

BRIGH. (Adessadesso i coppo tutti do).

COR. Perché mi volete far scacciare di questa casa?

ARL. Mi?

BRIGH. (Zitto). (si pone in maggiore attenzione)

COR. Non credeva mai che Brighella avesse questo cuore.

BRIGH. (Olà!)

ARL. Cossa t'alo fatto?

COR. Bella carità! Farmi cacciar via come una briccona! Caro il mio caro Brighella.

ARL. Caro Brighella!

BRIGH. (Ho inteso, gh'è dell'equivoco). (da sé)

COR. Sì, sei il mio caro. Ti voglio bene.

ARL. Mo se ti me vol ben, perché parlistu...

BRIGH. (Si accosta, trova Arlecchino, gli una spinta e lo caccia via)

COR. Che cosa è stato?

BRIGH. Gnente; un can che m'ha in te le gambe.

ARL. Vento cattivo. (parte, cercando la porta)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License