Carlo Goldoni
I puntigli domestici

ATTO TERZO

SCENA ULTIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA ULTIMA

 

Rosaura, Florindo e detti; poi un servitore

 

LEL. Quali soverchierie sono queste?

OTT. Nelle mie camere, mi maraviglio che abbiate tanto ardire. (a Lelio)

LEL. Mi maraviglio di voi, che vi usurpiate il diritto sovra una mia sorella.

BEAT. Figlio, acchetatevi, ed ascoltatemi. Il signor conte Ottavio non è nostro nemico...

SERV. Illustrissimo.

OTT. Che cosa c'è?

SERV. Brighella e Corallina sono fuggiti di casa.

OTT. Ah, mi dispiace...

SERV. Ma il bargello da me avvisato li ha ritrovati, e son condotti in carcere.

OTT. Saranno castigati.

SERV. (Imparerò anch'io a non dir male dei padroni, a non metter male nelle famiglie). (da sé, parte)

BEAT. Ecco, figlio mio, lo scandalo di casa nostra. Quelli scellerati hanno seminate le discordie della nostra famiglia. Con queste orecchie ho sentita io stessa la verità. Io sono stata da Corallina irritata contro il conte Ottavio; egli fu da Brighella irritato contro di noi. Siamo sincerati, siamo tornati amici; non vogliate voi solo distruggere un'opera così bella, di cui il maggior merito lo ha il signor Pantalone.

PANT. Siori sì; mi ho fatto tanto per stabilir sta pase, e grazie al cielo, ghe ne son riuscìo con onor. Caro sior conte, la prego, la me fazza anca ella parer bon.

ROS. Signora madre, vi domando perdono...

BEAT. Non ne parliamo più. Son pronta a scordarmi di tutto.

FLOR. Signora, se vi contentate, le darò in vostra presenza la mano.

BEAT. Sono contentissima.

SERV. Illustrissimo, è il signor dottor Balanzoni con suo nipote.

LEL. Il dottor Balanzoni da voi? (ad Ottavio)

OTT. Sì. Quel buon uomo voleva mettersi in mezzo. Digli che se ne vada, e in casa mia non ardisca più metter il piede.

LEL. Diglielo anche da mia parte. (Servitore parte)

PANT. Bravi, i fa benissimo. In sta maniera spero che i goderà la so pase, e mi averò la consolazion d'averla promossa e stabilida. I pontigli domestici i xe i più fieri, i più crudeli che se daga a sto mondo. Per el più i nasse da cause liziere, da principi deboli, da cosse de gnente, e ordenariamente la servitù xe quella che ghe eccitamento. I adulatori fomenta, e i boni amici li accomoda e li destruze. e Corallina i ha promossi, el dottor Balanzoni i ha fomentai, Pantalon de' Bisognosi li ha accomodai. Scazzadi i nemici de casa, no ghe sarà più pontigli, regnerà la pase, e la so fameggia sarà benedia dal cielo e respettada dal mondo.

 

Fine della Commedia

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License