Carlo Goldoni
Il padre di famiglia

ATTO TERZO

SCENA TERZA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Sala in casa del dottor Geronio, con porta laterale chiusa ed una finestra dall'altra parte. Lumi sul tavolino.

 

Eleonora, poi Rosaura

 

ELEON. Chi mai è stato serrato da mio padre in questa camera? Confesso il vero che la curiosità mi spinge a saperlo. (si accosta, e guarda per il buco della chiave) Oh capperi, chi vedo! Il signor Lelio, figlio del signor Pancrazio! Che cosa fa in questa camera? (torna a guardare, come sopra)

ROS. Sorella, che fate qui?

ELEON. Zitto, non fate rumore. (guarda, come sopra)

ROS. Che cosa guardate con tanta attenzione?

ELEON. Qui dentro v'è un giovane rinserrato.

ROS. Un giovane? E chi l'ha fatto entrare colà?

ELEON. Il signor padre.

ROS. Lo conoscete voi cotesto giovane?

ELEON. Lo conosco certo. Egli è il signor Lelio, figlio primogenito del signor Pancrazio.

ROS. Fratello del signor Florindo?

ELEON. Per l'appunto.

ROS. Ed è il primogenito?

ELEON. Certamente. È figlio della sua prima moglie.

ROS. Dunque si mariterà prima di suo fratello.

ELEON. Ragionevolmente dovrà esser così.

ROS. Ehi, ditemi. È bello questo signor Lelio?

ELEON. È un giovane di buon garbo. Io mi prendo spasso a vedere certi atti d'ammirazione che egli va facendo. (guarda, come sopra)

ROS. Via, via, sorella, basta così. Non vi lasciate trasportare dalla curiosità. Questo è un vizio cattivo, da cui ne vengono delle pessime conseguenze.

ELEON. E che cosa può avvenire di male, se guardo un giovane per il buco della chiave?

ROS. Poverina! Siete troppo ragazza e siete male allevata, non sapete niente. Potete vedere quello che non vi conviene vedere.

ELEON. Quando è così, acciò non crediate che io in questa curiosità ci abbia della malizia, non solo lascerò di guardare, ma me ne anderò da questa camera.

ROS. Farete benissimo. Questo è l'obbligo delle persone dabbene: sfuggire le occasioni, e allontanarsi da ogni ombra di pericolo.

ELEON. Sorella, io vado nella mia camera. Volete venire con me?

ROS. No no, andate, che il cielo v'accompagni.

ELEON. (Quanto pagherei a sapere per che causa il signor padre ha serrato dentro quel giovane!) (da sé, parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License