Carlo Goldoni
Il padre di famiglia

ATTO TERZO

SCENA TREDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TREDICESIMA

 

Trastullo e detti.

 

TRAST. Ah signor padrone! ah signora padrona! Presto, presto, non perdiam tempo.

BEAT. Che cosa c'è?

TRAST. Il signor Florindo...

PANC. Che cosa?

BEAT. Ch'è stato?

TRAST. Ha condotto via Fiammetta.

PANC. Ah briccone! È questo il dolor de' denti?

BEAT. Non sarà vero nulla.

TRAST. E non s'è contentato di condur via Fiammetta.

BEAT. Via, presto.

PANC. Che cosa ha fatto?

TRAST. Ha portato via lo scrigno delle gioje della padrona.

BEAT. Oh povera me! Sono assassinata.

PANC. Vostro danno. Presto, Trastullo, va, fallo arrestare.

TRAST. (parte)

BEAT. Ah! mio figlio anderà prigione! Oimè! non posso più...

PANC. Vi sta il dovere. Voi siete causa di tutto, voi l'avete condotto al precipizio, l'avete fatto un ladro, un briccone. (parte)

BEAT. Dunque la mia tenerezza per quell'indegno sarà stata inutile? Sarà colpevole? Avrò dunque per sua cagione perdute le gioje, perduta la pace, perduta quasi la vita? Ah figlio ingrato! Ah figlio sconoscente e crudele!

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License