Carlo Goldoni
Il padre di famiglia

ATTO TERZO

SCENA QUATTORDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUATTORDICESIMA

 

Luogo remoto. Notte con luna.

 

Ottavio e Rosaura

 

ROS. Ma dov'è il signor Florindo? Ancor non l'abbiamo trovato.

OTT. Vi preme tanto ritrovare il signor Florindo?

ROS. Se mi preme? giudicatelo voi.

OTT. Ma da che nasce la vostra premura? Dall'amore?

ROS. Dall'amore, dal pericolo in cui sono, dalla speranza di riparare col matrimonio le perdite del mio decoro.

OTT. Per riparare al vostro decoro vi sarebbe qualche altro rimedio, senza ritrovare il signor Florindo.

ROS. E quale?

OTT. Un altro matrimonio.

ROS. Con chi?

OTT. Con un vostro servo.

ROS. Con voi?

OTT. Sì, carina, con me.

ROS. Per amor del cielo, ritroviamo il signor Florindo.

OTT. Mi sprezzate? non mi volete? È vero, sono un poco avanzato nell'età, non son ricco, ma son un uomo dabbene, e questo vi dovrebbe bastare.

ROS. Eh! Signor Ottavio, ci conosciamo. Date ad intendere di essere un uomo dabbene ai creduli, non a me che ne so quanto voi.

OTT. Dunque se ne sapete quanto me, il nostro sarà un ottimo matrimonio.

ROS. Morir piuttosto che divenir vostra moglie.

OTT. Vi placherete.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License