Carlo Goldoni
Il padre di famiglia

ATTO TERZO

SCENA QUINDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINDICESIMA

 

Florindo e Fiammetta per mano, e detti.

 

FIAMM. Ma dove andiamo? (a Florindo)

FLOR. Ci fermeremo in una locanda, e domani partiremo dalla città.

ROS. (Stelle, questo è Florindo!) (da sé)

OTT. (Oh diavolo! Florindo con un'altra donna? Al lume di luna non la conosco). (da sé)

FIAMM. Tremo tutta.

FLOR. Anima mia, non temete.

ROS. Traditore, v'ho pur trovato. (prende per mano Florindo)

FLOR. Oimè!

FIAMM. Chi è questa?

FLOR. Non lo so. Chi siete?

ROS. Perfido, son Rosaura da te rapita.

FIAMM. Oh meschina me! Che sento?

OTT. (Tra due litiganti, può essere che il terzo goda). (da sé)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License