Carlo Goldoni
Il vero amico

ATTO PRIMO

SCENA QUINTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Lelio e detti.

 

LEL. Amico, ho inteso dal vostro servo una nuova che mi sorprende. Voi volete partire? Voi volete lasciarmi?

FLOR. Caro signor Lelio, se mi amate, lasciatemi andare.

LEL. Non so che dire, mi converrà lasciarvi partire.

BEAT. E avrete voi la debolezza di lasciarlo andare? Sapete perché ci lascia? Per una vana delicatezza. Diss’egli a me: è un mese ch’io son ospite in casa vostra, è tempo che vi levi l’incomodo. Eh! che fra gli amici non si tratta così. Due mesi, quattro mesi, un anno, siete padrone di casa nostra, non è egli vero? (a Lelio)

LEL. Sì, il mio caro Florindo, questa è casa vostra. Restatevi, ve ne prego. Non mi fate questo torto di credere d’incomodarmi. Di voi, lo vedete, non prendomi soggezione.

FLOR. Lo vedo, lo so benissimo; ma compatitemi, bisogna che vada via.

LEL. Non so che dire.

BEAT. Fate che egli dica il perché. (a Lelio)

LEL. Perché, caro amico, volete voi andar via?

FLOR. Perché mio zio sta male assai, e voglio andare a Venezia, avanti che muoia.

LEL. Non vi so dar il torto.

BEAT. Oh vedete! Ecco una bugia. Ha detto a me che lo chiamava a Venezia una lettera di suo zio, ed ora dice che suo zio sta per morire.

FLOR. Avrò detto che ho d’andare per una lettera, che tratta di mio zio.

BEAT. Non mi cambiate le carte in mano.

FLOR. È così, l’assicuro.

BEAT. Mostrate questa lettera, e vedremo la verità.

FLOR. Il signor Lelio mi crede senza mostrare le lettere, senza addur testimoni.

BEAT. Lo vedete il bugiardo? Lo vedete? Vuol andar via, perché è annoiato di star con noi.

LEL. Possibile che la mia amicizia vi arrechi noia? (a Florindo)

FLOR. Caro amico, mi fate torto a parlare così.

BEAT. Signor Florindo, prima di partire, spero almeno che vi lascerete da me vedere.

FLOR. Ha ella da comandarmi qualche cosa?

BEAT. Sì, ho da pregarvi d’un affar per Venezia.

FLOR. Avanti di partire riceverò i suoi comandi.

BEAT. (Se mi riesce di parlar seco un’altra volta con libertà, spero che si arrenderà all’amor mio, e non mi saprà dire di no). (da sé, parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License