Carlo Goldoni
Il vero amico

ATTO SECONDO

SCENA DICIASSETTESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DICIASSETTESIMA

 

Florindo e detta.

 

FLOR. Signora, ella dirà che son troppo ardito venendo a replicarle l’incomodo due volte in un giorno.

ROS. Voi mi mortificate parlando così; le vostre visite sempre care mi sono, ed ora le desidero più che mai.

FLOR. Son debitore di risposta ad una sua cortesissima lettera.

ROS. Voi mi fate arrossire, parlandomi scopertamente della mia debolezza.

FLOR. Non ha occasione d’arrossire per una passione che vien regolata dalla prudenza.

ROS. Signor Florindo, ditemi in grazia una cosa, prima di parlar d’altro; siete ancor risoluto di partir domani?

FLOR. Vedo che sarò in necessità di farlo.

ROS. Per qual cagione?

FLOR. Perché la violenza d’amore non m’abbia da mettere in cimento di tradire un amico.

ROS. Dunque mi amate.

FLOR. A chi ha avuto la bontà di confidarmi il suo cuore, è giusto che confidi il mio. Signora Rosaura, l’ho amata dal primo giorno che l’ho veduta, e adesso l’amo assai più.

ROS. Mi amate, e avete cuor di lasciarmi?

FLOR. Conviene far degli sforzi per salvare il decoro, per non esporsi alla critica e alla derisione.

ROS. Ma se si trovasse qualche rimedio facile e sicuro per far che Lelio mi rinunciasse, sareste in grado d’accettar la mia mano?

FLOR. È superfluo il figurarsi cose così lontane.

ROS. Favoritemi: sedete per un momento.

FLOR. Bisogna che vada via, signora.

ROS. Questa sola grazia vi chiedo, ed avrete cuor di negarmela? Sedete per un poco, ascoltatemi, e poi ve ne andrete.

FLOR. (Ci sono, bisogna starvi). (da sé, e siedono)

ROS. Spero, mediante la confidenza che vi farò delle cose domestiche della mia casa, aprirvi il campo di sperare ciò che or vi sembra difficile. Sappiate che mio padre...

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License