Carlo Goldoni
Il vero amico

ATTO TERZO

SCENA SECONDA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Trappola e detto. Trappola dall’alto del prospetto cava fuori la testa dalla tappezzeria,

osserva, e dice.

 

TRAPP. (Oh vecchio maledetto! Guarda quant’oro!) (da sé)

OTT. Queste doppie di Spagna son mal tagliate, ma sono di perfettissimo oro e quello che è da stimarsi, sono tutte di peso.

TRAPP. (Oh! io, io le farò calare). (da sé)

OTT. Queste le ho avute in iscambio di tanto argento colato, portatomi di nascosto da certi galantuomini che vivono alla campagna per risparmiare la pigione di casa. Oh, è pur dura questa pigione! Quando ho da pagar la pigione, mi vengono i sudori freddi. Quanto volentieri mi comprerei una casa, ma non ho cuore di spendere duemila scudi.

TRAPP. (Getta un piccolo sasso verso lo scrigno e si nasconde)

OTT. Oimè! Che è questo? Oimè! Casca il tetto, precipita la casa! Caro il mio scrigno! Ah! voglia il cielo che tu non resti sepolto sotto le rovine.

TRAPP. (Maledettissimo! Ha più paura dello scrigno che della sua vita). (starnuta e si nasconde)

OTT. Chi è ? Chi va ? Presto. Povero me! Gente in camera; sono assassinato. Ma qui non vi è nessuno. La porta è serrata. Eh, sono malinconie. Caro il mio oro...

TRAPP. Lascia star, lascia star. (contraffaccendo la voce forte)

OTT. Chi parla? Come? Dove siete? Chi siete?

TRAPP. Il diavolo. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License