Carlo Goldoni
Il vero amico

ATTO TERZO

SCENA OTTAVA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA OTTAVA

 

Colombina e dette.

 

COL. Signora, un’altra visita.

ROS. Chi sarà?

COL. Il signor Florindo.

BEAT. Vedete se m’ama? Ha saputo ch’io sono qui, e non ha potuto trattenersi di venirmi a vedere.

ROS. Di chi ha domandato? (a Colombina)

COL. Di voi, signora.

BEAT. Si sa, per convenienza deve domandare della padrona di casa.

ROS. Lo sa che v’è la signora Beatrice? (a Colombina)

COL. Io non gliel’ho detto.

BEAT. Eh! lo sa senz’altro. Mi tien dietro per tutto. Sa tutti i fatti miei.

ROS. Me ne rallegro.

COL. Lo faccio passare, sì o no?

BEAT. Sì, sì, passi.

ROS. Sì, sì, comanda ella, passi.

COL. (Chi mai l’avrebbe detto, che a questa vecchia avesse a toccare un giovine di quella sorte? A me non arrivano di queste buone fortune). (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License