Carlo Goldoni
La putta onorata

ATTO PRIMO

SCENA QUARTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Il marchese Ottavio, poi Menego.

 

OTT. Così è. Potrei servirmi di quel giovane o per barcaiuolo, o per staffiere, o per cameriere; e della ragazza per donna di governo. È una giovane che mi piace assai.

MEN. Lustrissima, son qua ai so comandi.

OTT. Ditemi, come siete contento del mio servizio?

MEN. Contentissimo. Quando a la fin del mese scorre le monee1, mi no cerco altro. De ela no me posso lamentar. La xe un zentilomo de buon cuor, tagiao a la veneziana2; ai so tempi la vien zoso co la molente, e mi per ela starave in pope tre e tre notte senza magnar. Ma quela lustrissima de la parona, la me compatissa, no la gh’ha gnente de descrizion. La matina apena zorno la me fa parechiar. Presto, Menego, in pope. Andè da la conzateste, fe che la vegna subito. Animo, andè a levar el miedego, che la parona gh’ha el mal de mare. Cerchè el barbier, che ghe vegna a meter un servizial. A mezza matina: Menego, in pope. La parona in ziro per mezza Venezia. Dopo disnar in Piazza, e Menego co la barca a Reduto. La sera a la comedia; se torna a casa a settore; sona la mezza note, ma el mezzo ducato no se usa.

OTT. Povero Catinello, vi compatisco. Siete solo, e solo non potete supplire a tutto. Ditemi, non avete voi un figlio?

MEN. Lustrissimo, sì.

OTT. Che mestiere gli fate fare?

MEN. Mi vogio ch’el fazza el mestier de so pare, ma elo nol gh’ha gnente de genio. Una volta ho provà a farlo star in pope, e el xe andà in acqua a gambe levae.

OTT. Ma bisogna veder d’impiegarlo.

MEN. Se el se vol impiegar, mi ghe posso comprar un batèlo e ch’el s’inzegna. Mi me sfadigo, e lu no vogio ch’el fazza el zentilomo. Chi lo vede, tuti i dise che a mi nol me somegia gnente; e ghe xe dei baroni che parla e che dise, se la m’intende. Ma dona Pasqua mia mugier, no ghe digo per dir, la xe sempre stada, in materia de ste cosse, sutila come l’ogio3.

OTT. Vive vostra moglie?

. Lustrissimo sì, per grazia del cielo.

OTT. Dove si ritrova?

MEN. A Pelestrina, dove la xe nassua4. La xe andada a trovar i so parenti; sta sera o domatina l’aspeto.

OTT. Orsù, mandatemi vostro figliuolo, che lo voglio vedere.

MEN. Vussustrissima sarà servida. Ma adesso no saveria in dove trovarlo.

OTT. E bene, lo manderete da me, quando l’averete ritrovato.

MEN. Ancuo comandela la barca?

OTT. Per me no. Guardate se la vuole la marchesa.

MEN. Eh, a ela no ghe manca barche. Ogni zorno ghe ne xe tre o quatro che fa regata per arivar a la machina. Sta matina sior conte ha buo el primo5. Dopo se gh’ha calumà drio6 el secondo e eil terzo, e per quel che vedo, a vussustrissima ghe toccherà el porcheto7. (parte)

OTT. Quanto sono piacevoli questi barcaruoli! Ma quanto per altro è bella la mia Bettina! Se la prendo in casa, non vorrei che nascesse qualche strepito con mia moglie. Procurerò di maritarla con questo giovinotto. Intanto... basta... il danaro fa tutto. Argent fait tout. (parte)

 





p. -
1 Quando sono pagato.



2 Uomo alla mano e generoso.



3 Dilicatissima in cose d’onore.



4 Nata.



5 Aver el primo. Modo di dire, tratto da chi vince gli altri concorrenti nella gara del vogare che dicesi regata.



6 Calumarse drio. Calarsi dietro a uno.



7 Aver l’ultimo premio nella regata, ch’è un porcellino.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License