Carlo Goldoni
La putta onorata

ATTO PRIMO

SCENA QUINTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Strada con veduta di un’altana annessa alla casa di Bettina.

 

Bettina sull’altana facendo le calze.

 

BET. Oh caro sto sol! Co lo godo! Sia benedeto staltana8! Almanco se respira un puoco. Mi, che no son de quele che vaga fora de casa, se no gh’avesse sto liogo, morirave de malinconia. E po qua semo fora dei petegolezzi. In sta corte no ghe sta nissun; nissun me sente, nissun me vede. No posso veder pezo, quanto quel star in compagnia de certe frasche, che no le fa mai altro che dir mal de questa e de quela. Anca de mi le dirà qualcossa, perché me pratica per casa sior Pantalon; ma che le diga quel che le vol; el xe vecchio, el me fa da pare, el me agiuta per carità. Dise el proverbio: mal no far, e paura no aver. El m’ha anca promesso de maridarme; ma se no me tocca Pasqualin, no vogio altri marii. Velo qua ch’el vien, siestu benedio. Caro quel muso! caro quel pepolo9! Co lo vedo, se me missia10 tuto el sangue che gh’ho in te le vene.

 





p. -
8 È una fabbrichetta di tavole sopra il tetto, e sporta in fuori dalla facciata d’alcune casette, sulla quale si mettono ad asciugare i pannilini.



9 Uomo bassotto.



10 Si mescola.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License