Carlo Goldoni
La putta onorata

ATTO PRIMO

SCENA SESTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Pasqualino col tabarro alla veneziana, e detta.

 

PASQUAL. Tiolè11, chi la vol veder, sempre su l’altana a farse veder da tutti, a recever i basamani.

BETT. Vardè che sesti12! Stago qua per vu, caro fio. No podè dir che m’abiè visto a parlar co nissun.

PASQUAL. Mi no vogio che stè in altana. troppo bassa.

BETT. Se passerè, no ve vederò.

PASQUAL. Co passerò, subierò. No me fe andar in còlera.

BETT. No, vissere, no andar in còlera, che farò a to muodo.

PASQUAL. Ma ogio mo da star sempre qua impalao13?

BETT. Cossa voressistu far?

PASQUAL. Vegnir in casa.

BETT. Oh, in casa no se vien.

PASQUAL. No? Per cossa?

BETT. Le pute da ben no le receve in casa i morosi.

PASQUAL. Me la disè ben granda! Toni, el segondo zorno che l’ha fato l’amor con Pasquetta, el xe andà in casa de più de diese, e Tonina ghe ne tiol in casa quanti ghe ne va.

BETT. Se le fa mal, so dano. Mi son una puta da ben.

PASQUAL. E mi cossa songio? Qualche scavezzacolo14?

BETT. No, no digo questo. un puto bon e modesto; ma in casa no se vien per adesso.

PASQUAL. Quando donca ghe vegnirogio?

BETT. Co m’averè dao el segno15.

PASQUAL. El segno ve lo dago anca adesso.

BETT. M’aveu gnancora fato domandar?

PASQUAL. Mi no; no ghavèpare, né mare.

BETT. Gh’ho ben mia sorela maridada. Ela la me xe in liogo de mare.

PASQUAL. Ben, parlerò mi con ela.

BETT. Fe quel che volè; ma sentì, bisogna dirlo anca a sior Pantalon.

PASQUAL. Gossa ghìntrelo quel vecchio? Xelo vostro barba?

BETT. El xe un mio benefator, che m’ha promesso la dota.

PASQUAL. Piase? Ghavè un benefator? Ho inteso. So che ora che xe.

BETT. Coss’è, sior pezzo de strambazzo? Cossa credeu? Che sia qualche frasca? Son una puta da ben, onorata. Se gh’ho un benefator, el xe un vecchio, che lo fa per carità. Me maravegio dei fati vostri.

PASQUAL. Mo via, no andè in còlera.

BETT. Co i me intaca in te la reputazion, no varderia in tel muso a mio pare.

PASQUAL. No me par d’aver dito...

BETT. Avè dito anca tropo.

PASQUAL. Eh via, averzì, che faremo pase.

BETT. Se mato, andeve a far ligar.

PASQUAL. Cussì me strapazzè? No me volè ben?

BETT. Ve vogio ben anca troppo; ma me preme la mia reputazion sora tuto.

PASQUAL. Donca cossa ogio da far?

BETT. Parlè co mia sorela.

PASQUAL. Co vostra sorela parlerò volentiera; ma no voria che ghe fusse quel aseno d’Arlechin vostro cugnà.

BETT. Aspetè, la manderò in corte.

PASQUAL. Sì ben, pol esser che femo groppo e macchia16.

BETT. Come sarave a dir?

PASQUAL. Che vegna in casa con ela.

BETT. Vegnirè, co sarà el so tempo. No vogio far come ha fato tante altre. Le ha tirà in casa i morosi, i morosi s’ha desgustà, e ele le ha perso el credito. Me arecordo, che me diseva mia mare povereta:

«Pute da maridar, prudenza e inzegno:

No stè a tirar i moroseti in casa;

Perché i ve impianta alfin co bela rasa,

E po i ve lassa qualche bruto segno». (parte)

 

 

 





p. -
11 Ecco qua.



12 Che modi.



13 Ritto in piedi.



14 Rompicollo, scorretto.



15 L’anello.



16 Stabilire e eseguire a un tratto.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License