Carlo Goldoni
La putta onorata

ATTO PRIMO

SCENA SETTIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Pasqualino e poi Catte.

 

PASQUAL. Brava, cussì me piase. Se vede che la xe una puta da ben. Ho fato per provarla; ma se la me averziva la porta, mai più meteva pie in casa soa. So anca mi come che la va co le pute, e so che quando le averze la porta, la reputazion facilmente la va drento e fuora. Ma vien siora Cate so sorela. Se ho da dir la verità, me vergogno un puoco; ma bisogna farse anemo e parlar schieto.

CAT. El tempo se va iscurindo; ho paura che vogia piover. (osservando il cielo)

PASQUAL. Patrona, siora Cate.

CAT. Oh bondì siorìa, sior Pasqualin.

PASQUAL. La gh’ha paura de la piova?

CAT. Sì ben, perché ho fato lissia17. Vorave destender, ma no me fido.

PASQUAL. Se la fusse una puta, dirave che el so moroso ghe vol poco ben.

CAT. Ah, lo savè anca vu quel proverbio:

«Quando la puta lava, e vien el sol,

Segno ch’el so moroso ben ghe vol».

Ma ve dirò, no gh’ho miga lavà mi, savè. Ha lavà Betina, mia sorela; e se piove, xe segno che el so moroso la minchiona.

PASQUAL. E sì mo, el so moroso ghe vol ben e el dise dasseno.

CAT. Ma chi èlo sto so moroso? Lo cognosseu?

PASQUAL. Pussibile, siora Cate, che no lo sapiè?

CAT. Mi no, da dona onorata.

PASQUAL. Mi ve lo dirave; ma me vergogno.

CAT. Oh via, via, v’ho capìo. Ve cognosso in ti occhi. Vu quelo che ghe vol ben.

PASQUAL. Sì ben, xe la veritae. Betina xe la mia morosa.

CAT. Ma diseme, che intenzion ghaveu?

PASQUAL. Intenzion bela e bona.

CAT. Come sarave a dir?

PASQUAL. De sposarla. E za che no la gh’ha né pare, né mare, e che vu so sorela e che maridada, ve la domando a vu per mugier.

CAT. Disè, fio, missier Menego, vostro pare, saralo contento?

PASQUAL. Mi no gh’ho dito gnente.

CAT. Che mistier ghaveu per le man?

PASQUAL. Mio pare el voleva che fasse el barcariol; ma mi no lo vogio far. Piutosto meterò suso una botegheta e m’inzegnerò.

CAT. Botega de cossa, fio mio?

PASQUAL. No so gnanca mi. Me giera vegnù in testa de far el strazzariol18. Ghe n’ho visto tanti a scomenzar a vender de le scatole rote, dei feri vecchi e de le strazze su le balconae de le boteghe serae, e in poco tempo i ha messo peruca, i ha averto botegoni spaventosi, e i ha comprà de le masserie intreghe.

CAT. Sì, disè ben; ma la farina del diavolo la va tuta in semola. Co i vede che uno ha bisogno de vender, i paga do quelo che val sie; e co uno gh’ha vogia de comprar, i vende per dodese quelo che val quatro. E po quel nolizar la roba a certe fegure; fornir casa a certe squaquarine19. Basta, el xe un mistier che no me piase gnente.

PASQUAL. Meterò suso una botega da caffè.

CAT. Oh, caro fio, ghe ne xe tanti, che i se magna un con l’altro. Fuora dei primi posti e de le boteghe inviae20, credème che i altri i frize21. Quando un zovene averze botega da niovo, specchi, quadri, piture, lumiere, caffè d’Alessandria, zucchero soprafin, cosse grande. Tuti corre, per far aventori se ghe remete del soo, e po bisogna siar22; i aventori v’impianta e se canta la falilela23. Per far ben, bisognerave aver la protezion d’un per de quele zentildone salvadeghe24, che fa cantar i merloti: ma po no basta el cafè e le acque fresche. Chi vol la so grazia, bisogna baterghe l’azzalin25, e la botega da caffè la deventa botega da maroni.

PASQUAL. Donca cossa ogio da far?

CAT. Ghe penseremo. Mia sorela no gh’ha gnente a sto mondo. Ma un certo sior Pantalon dei Bisognosi gh’ha promesso, co la se marida, dusento ducati. Co queli v’inzegnerè.

PASQUAL. Caspita! Con dusento ducati posso averzer mezzà.

CAT. Saveu lezer e scriver?

PASQUAL. Un puoco.

CAT. Ghaveu bona chiaccola?

PASQUAL. Parole no me ne manca.

CAT. Sì ben, in poco tempo farè la vostra fortuna. Presto presto deventè lustrissimo. Che bela cossa veder el pare in pope, e el fio sentà in trasto! Mia sorela de lavandera deventar lustrissima! Oe, de sti casi ghe n’ho visto più che no gh’ho cavei in testa. Pasqualin, stè alegramente, e no ve dubitè: parlerò a mia sorela, parlerò a sior Pantalon, e credo che faremo pulito. Parecchiè un bel anelo e a mi parecchieme la sansaria. (Povero puto, el me fa pecà! Son proprio compassionevole de la zoventù. Se no fusse maridada, mia sorela poderave forbirse la bocca. Varè26 co belo ch’el xe; se nol fa proprio cascar el cuor!) (da sé; parte ed entra in casa)

PASQUAL. Oh che cara siora Cate! La val un milion. Gh’ho speranza che per mi la farà pulito. Dusento ducati per qualcun no i xe gnente, ma per chi gh’ha giudizio i xe qualcossa. Certo che chi vol meter a l’ordene una novizza a la moda, ghe va la dota e la soradota; ma mi no farò cussì. Un per de manini, la so vesta e el so zendà, una vestina da festa, e basta. Disnar? Gnente. Nozze? Via! El pan dei minchioni xe el primo magnà. (parte)

 

 

 





p. -
17 Il bucato.



18 Rigattiere, venditore di panni vecchi e robe adoperate.



19 Femmine di mondo, ma delle più vili.



20 Che hanno concorso.



21 La fanno male.



22 Fermarsi, tirarsi indietro.



23 Si fallisce.



24 Cortigiane, che menano pel naso gli uomini semplici.



25 Batter l’azzalin, significa ruffianare.



26 Vedete.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License