Carlo Goldoni
La putta onorata

ATTO PRIMO

SCENA OTTAVA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA OTTAVA

 

Camera in casa di Bettina

 

Bettina e Catte.

 

BETT. E cussì, cossalo dito?

CAT. Ch’el ve vol per mugier.

BETT. E vu cossa ghaveu resposo?

CAT. Che vederemo.

BETT. Dovevi dirghe de sì a dretura. Coss’è sto vederemo? La saria bela che el se pentisse. Sentì, se el me lassa, povereta vu, varè.

CAT. Ih! Ih! molto insatanassada. Ghavè una gran vogia de mario.

BETT. V’aveu maridà vu? Me vogio maridar anca mi.

CAT. Ben, abiè un poco de pazienza.

BETT. In sta casa no ghe vogio star più.

CAT. Se no volè star, andè via.

BETT. Vardè che risposte da mata! A una puta, se no volè star, andè via? Sentì, me vôi maridar, ma no vôi miga far come avè fato vu.

CAT. Cossa voressi dir? Come ogio fato mi?

BETT. Eh, ben ben. la fornera m’ha contà tuto. Taso perché mia sorela, no me vogio tagiar el naso e insanguenarme la boca27.

CAT. Senti sa, frasca. Te darò de le slepe28.

BETT. A mi slepe? Oh, la xe morta quela che me le podeva dar.

CAT. E mi te son in liogo de mare. Mi te dago da magnar.

BETT. Seguro! Vu me da magnar? Quel povero vecchio me manda la spesa a mi, e con quela vivè vu e vostro mario.

CAT. Certo, siora, ve fazzo anca la massèra.

BETT. E le mie scarpe? Vu me le avè fruae. Tuto el zorno in rondon29 co la mia vesta e col mio zendà. De boto no ghe n’è più filo.

CAT. E ben, fèvene far un altro.

BETT. Certo, i se impala i bezzi. Povero sior Pantalon. Ghe vuol descrizion.

CAT. Se el vol vegnir qua a seccarme la mare, sto vecchio minchion, ch’el spenda.

BETT. Se lo desgusterè, nol vegnirà più.

CAT. Cossa importa? Ghe ne vegnirà un altro.

BETT. Oh, questo po no.

CAT. Se ti savessi, minchiona; ghe xe un marchese che te vol ben.

BETT. Mi no ghe penso gnente.

CAT. Altro che sior Pantalon! El gh’ha i zechini a palae30.

BETT. Che el se li peta.

CAT. Nol vol miga gnente de mal; ghe basterave vegnir qualche volta a un fasseto.

BETT. No, no, no, ch’el vaga, che el diavolo lo porta.

CAT. Uh povera mata! L’altro zorno l’è passà per cale, e tute ste done le ghe lassava suso i occhi. Se ti vedessi quant’oro ch’el gh’ha su la velada!

BETT. Voleu fenirla, o voleu che ve manda?

CAT. Via, via, frasconcela, un poco più de respeto.

BETT. E vu un poco più de giudizio.

CAT. Adesso adesso i pavari i mena le oche a bever31.

BETT. Siora sì, quando che le oche no le gh’ha cervelo.

CAT. Siora dotoressa de la faveta! Oh via, la se consola che xe qua el so vecchio. L’ho cognossuo in tel tosser. El me fa voltar el stomego.

BETT. Mi ghe vogio ben come s’el fusse mio pare, e lu el me trata come fia.

CAT. Gnanca a ti no te credo ve, mozzina maledeta!

BETT. Chi mal fa, mal pensa, sorela cara.

 

 

 





p. -
27 Dicesi di chi ha da sparlare d’un congiunto, che dicendo male di lui, svergogna anche se stesso.



28 Schiaffi.



29 Qua e .



30 In grande abbondanza.



31 I paperi meneranno le oche a bere, è proverbio toscano. Significa, i più giovani daranno norma ai più attempati.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License