Carlo Goldoni
La putta onorata

ATTO PRIMO

SCENA TREDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TREDICESIMA

 

Il marchese Ottavio e Bettina

 

BETT. (Gran poco giudizio de sta mia sorela). (da sé)

OTT. Venite qua; sedete. (il Marchese siede)

BETT. Mi no son straca.

OTT. Ma perché volete star in piedi?

BETT. Perché vôi vegnir granda.

OTT. Grande siete abbastanza. Sarebbe bene che diventaste un poco più grossa.

BETT. A ela no gh’ho da piaser.

OTT. Forse sì.

BETT. Oh, mi ghe digo de no.

OTT. No certo?

BETT. No seguro.

OTT. Ma sedete qui un poco.

BETT. Non posso in verità.

OTT. Non potete? Perché?

BETT. Perché no vogio.

OTT. Bene. Dunque mi leverò io.

BETT. (E mia sorela no vien). (guardando la porta)

OTT. Ditemi, sono d’oro quei smanigli? (accostandosi)

BETT. Sior sì, d’oro. (con cera brusca)

OTT. Lasciateli un poco vedere.

BETT. Che el vaga a veder la roba soa.

OTT. Non siate così ruvida.

BETT. Per lu no son né ruspia, né molesina.

OTT. La mano si tocca per civiltà.

BETT. Mi no son civil, son ordenaria.

OTT. Dunque datemi la mano per obbedienza.

BETT. Che el vaga a comandar a le so massère.

OTT. Io non pretendo comandarvi; ma vi dico bene, che un cavaliere par mio merita più rispetto.

BETT. Mi no so più de cussì, e se no ghe comoda, che el se la bata.

OTT. Mi mandate via?

BETT. Oh! l’ho mandà che xe un pezzo.

OTT. E non pensate che io posso fare la vostra fortuna?

BETT. Povera la mia fortuna! Sì ben, sti siorazzi co i ha speso diese ducati, i crede de aver fata la fortuna de una puta.

OTT. Voi non mi conoscete, e perciò parlate così.

BETT. Ma, el diga, me vorlo fursi per mugier?

OTT. Io no, perché ho moglie.

BETT. El gh’ha mugier, e el vien in casa d’una puta da ben e onorata? Chi credelo che sia? Qualche dona de quele del bon tempo? Semo a Venezia, sala. A Venezia ghe xe del bagolo39 per chi lo vol, ma se va sul liston in Piazza; se va dove ghe xe le zelosie e i cussini sul balcon, o veramente da quele che sta su la porta; ma in te le case onorate a Venezia no se va a bater da le pute co sta facilitae. Vu altri foresti via de qua, co parlè de Venezia in materia de done, le metè tute a mazzo; ma, sangue de diana! no la xe cussì. Le pute de casa soa in sto paese le gh’ha giudizio e le vive con una regola, che fursi fursi no la se usa in qualche altro liogo. Le pute veneziane le xe vistose e matazze; ma in materia d’onor dirò co dise quelo:

«Le pute veneziane xe un tesoro,

Che no se acquista cussì facilmente,

Perché le xe onorate come l’oro;

E chi le vol far zoso, no fa gnente.

Roma vanta per gloria una Lugrezia,

Chi vol prove d’onor, vegna a Venezia».

OTT. Brava la mia Bettina. (accostandosi)

BETT. Ghe digo che la tenda a far i fati soi.

OTT. Guardate questi orecchini. Vi piacciono? (tira fuori di tasca uno scatolino con un paio di pendenti di diamanti)

BETT. Gnente affato.

OTT. Se li volete, sono vostri.

BETT. Che el se li peta.

OTT. Sono diamanti, sapete?

BETT. No me n’importa un figo.

OTT. Oh via, v’intendo. Vorrete comprarli a vostro modo. Tenete questa borsetta di zecchini. (le mostra una piccola borsa)

BETT. A mi i bezzi no me fa gola.

OTT. Ma che cosa vi piace?

BETT. La mia reputazion.

OTT. Pregiudico io la vostra riputazione?

BETT. Sior sì; un cavalier in casa d’una povereta se sa che nol va per fogie de pori40.

OTT. Vi mariterò.

BETT. No gh’ho bisogno de ela.

OTT. Credete che io non sappia che siete innamorata di Pasqualino, figlio di Catinello?

BETT. Se el lo sa, gh’ho gusto che el lo sapia. Vogio ben a quelo, e no vogio altri.

OTT. Ora sappiate che Catinello è mio barcaiuolo.

BETT. De questo no me n’importa gnente.

OTT. Vedete che io posso contribuire alla vostra felicità.

BETT. In tel nostro matrimonio no la gh’ha da intrar né poco, né assae.

OTT. Io vi posso anche dare una buona dote.

BETT. Ghe digo che no gh’ho bisogno de ela.

OTT. Ah sì, avete il vostro mercante. Di quello avete bisogno. Quello vi gradisce.

BETT. Quelo xe un omo vecchio. El m’ha cognossua da putela, e la zente no pol pensar mal.

OTT. Orsù, meno ciarle. Viene egli in casa vostra? Ci posso e ci voglio venire ancor io.

BETT. In casa mia?

OTT. In casa vostra.

BETT. La sarave bela!

OTT. La vedremo.

BETT. Me ne rido de ela e de cinquanta de la so sorte. Qua ghe xe bona giustizia, e no gh’ho paura de bruti musi, sala? E se no la ghaverà giudizio, sta doneta, sti do soldi de formagio41, ghe lo farà acquistar, e farà che la se recorda, fin che la vive, de Betina veneziana.

OTT. (Costei è un diavolo). (da sé) Ma ecco il caffè.

 

 

 





p. -
39 Pasatempo.



40 Non ci va per nulla o per poco, come sono le buccie de’ porri.



41 Figura e persona di piccolo conto.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License