Carlo Goldoni
La putta onorata

ATTO PRIMO

SCENA QUATTORDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUATTORDICESIMA

 

Giovine col caffè e biscottini, e detti.

 

GIO. Strissima.

OTT. Favoritemi. Bevete un cafè. (a Bettina)

BETT. Mi no gh’ho bisogno del so caffè. Gh’ho un tràiero anca mi da cavarme una vogia.

OTT. Ma bevetelo per farmi piacere.

BETT. Giusto per questo no lo vogio bever. E ti sa, toco de sporco, se ti vegnirà più in sta casa, te buterò zo per la scala. (al Giovine)

GIO. M’ha mandao siora Cate...

BETT. Siela maledia ela, ti, e sto lustrissimo de faveta.

OTT. Eh via, siate buona, bevete il caffè, e poi me ne vado subito.

BETT. No vogio bever gnente. Credeu che no sapia l’usanza de vualtri siori? Subito per le boteghe: oe, sono stato dalla tale, gh’ho pagato il caffè; sono stato in conversazione; gh’ho toccato la mano. Eh, poveri sporchi! Betina no se mena per lengua.

OTT. Ma io non sono di quelli.

BETT. O de quei, o de quei altri, batevela, che farè megio.

OTT. Bevete il caffè.

BETT. No vogio.

OTT. Non mi fate andare in collera.

BETT. Varè che casi!

OTT. Quest’è un affronto.

BETT. No so cossa farghe.

OTT. Me la pagherete.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License