Carlo Goldoni
L'amore artigiano

ATTO SECONDO

SCENA SETTIMA   Giannino solo.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Giannino solo.

 

 

Ora sì posso dire

D'essere fin agli occhi innamorato.

Lasciarla avea giurato,

Giurato avea di non amar mai più,

E tornai presto presto a cascar giù.

Ah, Giannino, che fai?

Pensaci bene.

È ver, Rosina è bella,

Ma mi par vanarella.

Se con questo e con quel scherzar le piace,

Sarò geloso, e non avrò mai pace.

Dunque che s'ha da far?

Lasciarla? Ah no.

Lasciarla io non potrò.

Morir mi sento

Solamente in pensarlo. Ah, vita mia,

Sono nelle tue mani. Abbi pietà:

Non mi dar gelosia, per carità.

 

Donne belle, cogli amanti

Deh, non siate sì tiranne;

Non usate i vostri incanti

Per schernir la fedeltà.

Vezzosette, - graziosette,

Fate torto alla beltà

Coi meschini, - poverini,

Non usando carità. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License