Carlo Goldoni
La putta onorata

ATTO PRIMO

SCENA DICIOTTESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DICIOTTESIMA

 

Pasqualino, poi Menego

 

PASQUAL. Cossa mai porlo far de più? Darme do cariche in t’una volta, tiorme in casa, maridarme, darme la dota! Porlo far de più? De ste fortune se ghe ne trova poche.

MEN. Coss’è, sior canapiolo43 dal tabarielo? Seu gnancora stufo de sticarla44 da cortesan? Me par che sarave ora de meterve la valesana, la vostra baretina rossa, e col vostro cievoleto45 in man trarve fuora e laorar per el mastego46.

PASQUAL. Eh, missier pare, altro che valesana e bareta rossa! Deboto me vederè co la peruca, col tabaro de scarlato e co la pena in rechia.

MEN. Comuodo? Senza che mi sapia? Coss’è sta novitae? Caro sior, la me la conta.

PASQUAL. El lustrissimo sior marchese, nostro paron, m’ha tiolto in tel so mezà.

MEN. E a mi no se me dise gnente? Cossa songio mi? Un pampano47?

PASQUAL. Col ve vederà, el ve lo dirà. No ghavè gusto, missier pare, che sia impiegao?

MEN. Ghaverave gusto, se te vedesse montà su una pope; se te vedesse a un tragheto, o in casa de qualche paron; e far el mistier che fa to pare, che ha fato to nono, to bisnono, e tuta la nostra famegia. Cossa credistu, toco de frasca, ch’el mistier de barcariol no sia onorato e civil? Pezzo de mato! Nualtri servitori de barca in sto paese formemo un corpo de zente, che no se trova in nissun altro paese del mondo. Servimo, xe vero, ma el nostro xe un servir nobile, senza isporcarse le man. Nualtri semo i secretari più intimi dei nostri paroni, e no gh’è pericolo che da la nostra boca se sapia gnente. Nu semo pagai più dei altri, mantegnimo le nostre case con proprietà; ghavemo credito coi boteghieri; semo l’esempio de la fedeltà; semo famosi per le nostre bote48, e per la prontezza del nostro inzegno; e sora tuto semo tanto fedeli e sfegatai per la nostra patria, che sparzeressimo per ela el sangue, e faressimo custion co tuto el mondo, se sentissimo a dir mal de la nostra Venezia, che xe la regina del mar.

PASQUAL. Xe vero, disè ben; lodo el vostro mistier, ma mi no lo so far.

MEN. Se no ti lo sa, imparelo; nissun nasse maestro, e l’omo fa tuto quelo ch’el vol.

PASQUAL. Ma v’ho da dir un’altra cossa, missier pare.

MEN. suso mo.

PASQUAL. El paron me voria maridar.

MEN. Via, sporco! Maridarte! Come! Con che fondamento? Co la protezione del paron? Sì ben, ghe ne xe tanti e tanti che se marida co la dota de la protezion, ma po cossa succede? El protetor se stuffa; la dota va in fumo; la mugier la xe mal usada, e el mario patisse el dolor de testa. Tra de nu no se fa sta sorte de matrimoni. Le nostre mugier le xe poverete, ma da ben; polenta, ma a casa soa; sfadigarse, ma viver con reputazion; portar la bareta rossa, ma col fronte scoverto, senza che gnente ne fazza ombra. Abi giudizio: no far che te senta mai più a dirme che ti te vol maridar. Parechiete a montar in pope d’una gondola o d’un batelo, o a rampegarte su le scale de corda a piantar la bandiera sul papafigo. (parte)

PASQUAL. Che vol dir, in bon venezian, andar per mozzo su una nave. Pazienza. Tuto soporterò, ma xe impossibile che lassa la mia Betina. Mio pare me fa paura, ma se vol el paron, bisognerà che anca lu el se contenta. El me dise de la protezion, del dolor de testa, e de la reputazion. So benissimo cossa che el vol dir, ma mi digo che una mugier onorata pol star anca in mezo d’una armada; e ho leto a sto proposito un poeta venezian, che dise:

«L’omo sora la dona gnente pol,

Se la dona co l’omo gnente vol.»






p. -
43 Signorino, galante, ridicolo.



44 Ingegnarsi d’apparire da qualche cosa.



45 Remo.



46 Per aver di che mangiare.



47 Pampino, e significa qui: uomo da nulla, da non farne caso.



48 Motti, facezie.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License