Carlo Goldoni
La putta onorata

ATTO SECONDO

SCENA PRIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO SECONDO

 

 

 

SCENA PRIMA

 

Strada con veduta di canale e casa di donna Pasqua.

 

Vedesi un battello carico d’erbaggi, che arriva con dentro donna Pasqua

e due barcaruoli di Pelestrina; poi Pasqualino di casa.

 

PAS. Qua, qua, fioi; arivè qua a sta riva. Olà, creature, ghe xelo mio mario? Bara Menego. (chiama verso la casa)

PASQUAL. Dona mare, seu vu? (esce di casa)

PAS. Sì, fio mio, vien qua, agiuteme che desmonta. (scende in terra)

PASQUAL. Cossa fali a Pelestrina? Stali ben?

PAS. Tuti ben, fio, tuti ben. Oe, portè in tera quele zuche baruche. (ai barcaruoli che scaricano gli erbaggi) Senti, ho portao de la farina zala e dei semolei, che faremo dei meggioti. (a Pasqualino)

PASQUAL. Brava, dona mare, brava.

PAS. Cossa fa to pare? Dove xelo ficao?

PASQUAL. El sarà dal paron. Oh, se savessi quanto che avemo criao!

PAS. Perché? Cossa xe intravegnuo? Co so via mi, sempre se cria.

PASQUAL. El vol che fazza el servitor de barca e mi no lo vogio far. No posso, no gh’ho genio, e no gh’ho abilità.

PAS. (Poverazzo, lo compatisso. Se vede che no l’è de razza de barcaroli. Oh, s’el savesse de chi l’è fio, povereta mi!) (da sé)

PASQUAL. Sior marchese me vol impiegar, e missier pare no vol.

PAS. To pare xe mato; lassa far a mi, fio mio, che lo farò far a mio muodo.

PASQUAL. Dona mare, mi me voria maridar.

PAS. Poverazzo! Sì ben, le mie raìse, maridete pur, se ti ghe n’ha vogia. Ho fato cussì anca mi, veh. De quindesani gh’aveva un putelo.

PASQUAL. Missier pare no vol.

PAS. Povero mato! I fioi, co i xe in ti ani, bisogna maridarli, se no... Basta, no digo altro. Dime, fastu l’amor?

PASQUAL. Sì ben.

PAS. Chi xela la to morosa?

PASQUAL. Betina lavandera, una puta da par mio.

PAS. (Se ti savessi chi ti xe, no ti diressi cussì). (da sé) So che la xe una bona puta, la cognosso, no la me despiase.

PASQUAL. Oh cara mare, me consolè tuto. Vago a dirghe a la mia novizza, che vu contenta. Ma se me volè ben, fe contentar missier pare. Ah, veramente la veritae, le mare le xe quele che gh’ha più compassion dei fioli. L’amor de mare supera tuti i altri amori del mondo. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License