Carlo Goldoni
La putta onorata

ATTO SECONDO

SCENA SECONDA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Donna Pasqua sola.

 

PAS. Pur troppo xe la veritae, che l’amor de mare l’è grando. Per questo ho fato quel che ho fato. Per questo ho arlevà mio fio Pasqualin, che no xe mio fio, e scambiando in cuna el mio vero fio... O , o , paroni, con quela gondola, vardè che no me butè a fondi el batèlo (si vede arrivare una gondola, che obbliga il battello a ritirarsi) Toffolo. (al barcaruolo del battello) Daghe liogo. Sti barcarioli no i gh’ha gnente de descrizion. Mare de diana! Che se i vien a Pelestrina, vogio che ghe demo de le remae.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License