Carlo Goldoni
La putta onorata

ATTO SECONDO

SCENA TERZA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Viene la gondola alla riva, da cui sbarcano Lelio, mezzo spogliato per aver remigato

in gondola, e Tita barcaruolo. Donna Pasqua in disparte.

 

LEL. Oh che gusto! Oh che gusto! Oh quanto mi piace questo vogare! Camerata, voglio che ci divertiamo. Venitemi a ritrovare, che daremo delle buone vogate.

PAS. (Vardè, un ricco che ha vogao; el sarà qualche solazier49). (da sé)

TIT. La xe ancora grezo50 in tel vogar, ma col tempo la se farà.

LEL. A Livorno vi è il porto di mare, e una parte della città si chiama Venezia nuova, perché vi sono alcuni canali. pure si remiga, cioè si voga, come dite voi altri, ma però in altra maniera.

TIT. Eh, lo so anca mi. I voga in drio schena a mo galioto.

LEL. Io ci aveva tutto il mio gusto. Era tutto il giorno col remo in mano.

TIT. Ma, la diga, no xela venezian ela?

LEL. Sicuro che son veneziano. Io son figlio del signor Pantalone de’ Bisognosi.

PAS. (Cossa séntio! Oimè, se me missia tuto el sangue). (da sé)

TIT. Ma perché no parlela venezian?

LEL. Perché sono andato a Livorno da ragazzo, e non me ne ricordo più.

TIT. Da mi comandela altro?

LEL. Ditemi, dov’è la miglior osteria di questa città?

TIT. Perché no cerchela la casa de so sior pare, e no l’osteria?

LEL. Oh, io ho tutta la mia passione per la bettola; anzi non voglio lasciarmi vedere da mio padre per qualche giorno, per godermi Venezia con libertà.

TIT. Ma se so sior pare lo vede, el se n’averà per mal.

LEL. Né egli conosce me, né io conosco lui. Sono andato a Livorno da ragazzo.

TIT. Mi sior Pantalon lo cognosso.

LEL. Caro camerata, non gli dite niente.

TIT. La perdona, cara ela, cossa fàvela a Livorno?

LEL. Mio padre mi ha posto colà a imparare la mercatura; ma io non ho imparato altro che a vogare, a pescare, a bevere, a bestemmiare e a menar le mani.

TIT. Se vede che l’ha fato del profitto. Me ne rallegro.

PAS. (Tiolè, velo ! Tuto so pare col giera zovene). (da sé)

LEL. Andiamo a bevere, che ho una sete che crepo. Ma, sentite, non voglio già pagar io; ce lo giocheremo alla mora. (parte)

TIT. Questa xe una vertù de più, che no l’aveva dito. (parte)

PAS. Vardè in che ponto che son vegnua! Povereta mi! Ho fato, ho fato, e non ho fato gnente. Ho baratà el putelo al sior Pantalon; gh’ho sto mio fio in vece del soo, credendo che el sia ben arlevao, e de vederme alegrezza; ma, tiolè su, el s’ha arlevà un baron; el xe pien de vizi, e adesso me vergogno che el sia mio fio. Ma taserò, no dirò gnente a nissun. Se el fusse bon, parlerave; ma za che el xe cativo, che sior Pantalon se lo goda. Mi vogio ben a Pasqualin, come che el fusse mio fio; se no l’ho fato, gh’ho dao del mio late, e sti petti el me li ha consumai tuti elo. Vogio andar a trovar mio mario; no posso più star, no vedo l’ora de butarmeghe a brazacolo. (parte)

 

 

 





p. -
49 Con questo vocabolo si chiamano quelli che vogano per passatempo.



50 Imperito.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License