Carlo Goldoni
La putta onorata

ATTO SECONDO

SCENA QUARTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Strada.

 

Pantalone, poi Pasqualino

 

PANT. Eppur quela cara puta no me la posso destacar dal cuor. Fazzo tutti i sforzi per tralassar de volerghe ben, e no ghe xe caso. L’ho cognossua da putela; l’ho bua in brazzo da pichenina. So mare, povereta, me l’ha racomandada; la ho assistia, e l’assisto per carità; ma son deboto in stato de domandarghe misericordia. El continuo praticar, la confidenza, la familiarità a poco a la volta la deventa amor, e co se scalda i feri, la prudenza la xe andada. Me fa da rider quei che vuol dar da intender che i va, che i pratica con indifferenza, senza passion, con amor platonico. Mati chi lo dise, e ispiritai chi lo crede. La pagia, arente el fuogo, bisogna che la se impizza. L’umanità se resente, e l’ocasion de le volte fa l’omo ladro.

PASQUAL. Patron, sior Pantalon.

PANT. Bondì sioria, sior.

PASQUAL. Èla contenta, che ghe daga un poco d’incomodo?

PANT. Za so cossa che volè dir. inamorà de Betina, e la voressi per mugier.

PASQUAL. La l’ha indivinada a la prima.

PANT. E mi in do parole ve sbrigo. No ve la vogio dar.

PASQUAL. Mo perché no me la vorla dar?

PANT. Mi no v’ho da render altri conti. Ve parlo schieto, e batèvela.

PASQUAL. Songio fursi qualche baron?

PANT. uno che no gh’ha pan da magnar.

PASQUAL. La sapia che me son liogà.

PANT. Sì, bravo; cossa feu, caro vecchio; andeu a vender zaleti caldi?

PASQUAL. Stago in casa de sior marchese per soto scrivan.

PANT. Me ne ralegro: el ve darà un bon salario; poderè meter su casa; traterè la mugier come una zetadina.

PASQUAL. Mi no gh’ho da pensar gnente. La menerò in casa del paron, e lu farà tuto quelo che bisogna.

PANT. Ah, la menerè in casa del paron! Vu no ghavè da pensar gnente! Lu el farà tuto quelo che bisogna! Ah, ah, ah, che caro puto! Me piase, avè trovà un bon impiego, ghavè un bon paron.

PASQUAL. Sior sì, e no gh’è bisogno che la s’incomoda dei dusento ducati, perché el paron el li vol elo.

PANT. Megio! Oh che garbato cavalier! Oh che puto de garbo! Oh che spirito! (Oh che aseno! Oh che minchion, se el lo crede!) (da sé)

PASQUAL. Donca xe fato tuto?

PANT. Oh! tuto.

PASQUAL. Posso andar...

PANT. Sì, andè.

PASQUAL. A tior...

PANT. Sì ben, a tior...

PASQUAL. La mia cara Betina.

PANT. El vostro diavoleto che ve strassina.

PASQUAL. Com’èla?

PANT. Come ve la digo.

PASQUAL. A mi?

PANT. A vu.

PASQUAL. Nol me la vol dar?

PANT. No ve la vogio dar.

PASQUAL. Ghe lo dirò a sior marchese.

PANT. Diseghelo anche a sior conte, che no ghe penso.

PASQUAL. Varè che sesti!

PANT. Varè che casi!

PASQUAL. No la xe vostra fia.

PANT. E gnanca la sarà to mugier.

PASQUAL. Anca51?

PANT. Anca no?

PASQUAL. Sior Pantalon, la se varda da un desperà.

PANT. Eh via, sior sporco, che i omeni de la to sorte me li magno in salata. Siben che son vecchio, me bogie el sangue in tel stomego, e la gamba ancora me serve per recamarte el canaregio52 de peae53.

PASQUAL. A mi peae?

PANT. A ti, toco de furbazzo.

PASQUAL. Sangue de diana! (si morde il dito, minacciandolo)

PANT. Co sta mula te vogio romper i denti. (gli vuol dare con una pianella)

 

 

 





p. -
51 E che sì.



52 Canaregio, disse uno, è il viso sotto. Pare un viso di sotto, quando stilla quel che nel ventre smaltito si serba.



53 Calci.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License