Carlo Goldoni
La putta onorata

ATTO SECONDO

SCENA SESTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Il marchese Ottavio e Pasqualino

 

OTT. Vecchio pazzo, senza giudizio. Ora son più che mai impegnato. La voglio vedere, se credessi di rovinarmi. Lo farò bastonare. Dimmi, vuoi tu veramente bene a Bettina?

PASQUAL. La se imagina! No ghe vedo per altri ochi che per i soi.

OTT. La desideri per moglie?

PASQUAL. Piutosto sta sera, che domatina.

OTT. E bene, va subito alla casa di lei, sposala e conducila a casa mia. Lascia poi a me la cura d’accomodar ogni cosa.

PASQUAL. Ma, la vede ben...

OTT. Non replicare, non perder tempo.

PASQUAL. Ghe xe un’altra difficoltà...

OTT. Non voglio sentire difficoltà.

PASQUAL. Ma, se Betina no vol...

OTT. Che non vuole? E tu hai d’avere soggezione d’una donna? Le donne si fanno fare a nostro modo.

PASQUAL. Ma la xe una puta...

OTT. Putta o non putta, è l’istesso. Va , sposala subito: conducila a casa, o a te pure darò un carico di bastonate.

PASQUAL. Bastonae?

OTT. Sì, bastonate.

PASQUAL. Vago subito.

OTT. E fa la cosa con risoluzione.

PASQUAL. Sfazzadon, càzzete avanti56.

OTT. Diavolo! La gioventù de’ nostri non ha bisogno di questi stimoli.

PASQUAL. Se gh’ho da dir la verità, son inamorà: ma son un poco poltron. (parte)

 

 

 





p. -
56 Fa lo sfacciato, datti animo.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License