Carlo Goldoni
La putta onorata

ATTO SECONDO

SCENA OTTAVA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA OTTAVA

 

Lelio, poi Pantalone

 

LEL. Si può far meno per guadagnare due doppie? Ne ho fatte tante a Livorno! Mio padre pochi denari mi mandava, e se non mi fossi ingegnato col mio giudizio e colla mia abilità, non avrei potuto mantenere i miei vizi. Ma ecco l’amico. Povero vecchio, mi fa compassione.

PANT. (Sto mio fio no vien; cossa vol mai dir sta tardanza! Xe pur vegnua la coriera de Fiorenza). (da sé)

LEL. (Se lo bastono così all’improvviso, ho paura che caschi morto. Sarà meglio farlo con un poco di buona maniera). (da sé)

PANT. (Oh, che bruto muso!) (da sé, osservando Lelio)

LEL. Servitor divotissimo.

PANT. Patron mio reverito.

LEL. Se si contenta, avrei da dirle due parole.

PANT. La se comoda pur.

LEL. Sappia, signore, ch’io son un galantuomo.

PANT. Cussì credo. (Ma a la ciera no par). (da sé)

LEL. E mi dispiace avergli a fare un brutto complimento.

PANT. Come sarave a dir?

LEL. Conosce ella il signor marchese di Ripaverde?

PANT. Lo cognosso.

LEL. Ha ella avuto niente con lui?

PANT. (Ho inteso; so che ora che xe). (da sé) Ghe xe stà qualcossa.

LEL. Ora, per dirgliela in confidenza, d’ordine suo io devo bastonarla.

PANT. La diga, no la poderave mo sparagnar sta fadiga; e più tosto chiappar un per de filippeti, e andar a bon viazo?

LEL. Oh, questo poi no; son un uomo d’onore. Ho promesso, voglio mantener la parola; ma senta, io non intendo di volerle romper l’ossa. Quattro sole bastonate; vossignoria caschi in terra, ed io me ne vado.

PANT. No sarà mai vero, che vogia soffrir sto affronto.

LEL. Ma chi è ella, in grazia? Qualche gran signore?

PANT. Son Pantalon dei Bisognosi.

LEL. (Oh diavolo! Mio padre!) (da sé)

PANT. Son cognossuo in sta città.

LEL. (Maledetto destino!) (da sé)

PANT. Affronti no me ne xe stà mai fati.

LEL. (Mi scopro, o non mi scopro?) (da sé)

PANT. E fin che ghaverò fiao, me defenderò. (mette mano allo stocco)

LEL. (Se mi scopro, dirà che son un figlio di garbo). (da sé)

PANT. (Me par che el gh’abbia paura). (da sé) Via, sior cagadonao, andè via de qua. ()

LEL. Signor, perdonate...

PANT. Via, furbazzo, che te sbuso el corbame.

LEL. (Mi conviene fuggir l’impegno). (da sé, parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License