Carlo Goldoni
La putta onorata

ATTO SECONDO

SCENA NONA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA NONA

 

Pantalone, poi Tita barcaruolo.

 

PANT. Ti scampi? Te ariverò, desgraziao. (volendo inseguir Lelio)

TIT. Saldi, sior Pantalon, con chi la ghala? (lo ferma)

PANT. Lassème andar; lassè che lo mazza colù.

TIT. Cossa ghalo fato?

PANT. Un affronto.

TIT. Mo sala chi xe quelo?

PANT. Mi no. Chi xelo?

TIT. Quelo xe sior Lelio, so fio.

PANT. Come? Mio fio? Quelo? Eh via, no pol esser.

TIT. Ghe digo che el xe elo senz’altro.

PANT. Ma quando xelo vegnuo? Come? No so in che mondo me sia.

TIT. El xe arivà sta matina co la coriera de Fiorenza. L’è montà in gondola a Povegia, e l’ha vogà a mezzo fin a Venezia.

PANT. E nol vien da so pare?

TIT. Poverazzo! El se voleva un poco devertir.

PANT. Devertirse? Far el sicario? Bastonar so pare? Ah furbazzo! Ah infame! Ah desgrazià! Poveri i mi bezzi mal spesi! Sto bel mistier l’ha imparà a Livorno? L’anderà in galìa, l’anderà su la forca; e mi, povero pare, averò da suspirar. Andè , trovelo, menèmelo a casa. Diseghe che  no son in còlera. No lo lassè andar via. Caro amigo, no me abandonè. Presto, corè. Dove saralo andà? Oh che fio! Oh che gran fio! (parte)

TIT. Pare e fio i me par do mati. Mi no ghe ne vogio saver. Dise el proverbio: chi gh’ha la rogna, se la grata57. (parte)

 

 

 





p. -
57 Ci pensi chi ha l’impaccio.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License