Carlo Goldoni
La putta onorata

ATTO SECONDO

SCENA DECIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DECIMA

 

Camera di Bettina.

 

Bettina, poi Pasqualino

 

BETT. Tiro le rechie, e no sento a subiar. Pasqualin no vol che staga in altana, e gh’ho paura ch’el passa, e no sentirlo. Gran cossa xe sto amor. Tute le note m’insonio de elo. Tuti i mi pensieri i xe con elo. Senza de elo son in tel fuogo, e col vien elo, me giubila el cuor. No vedo l’ora ch’el possa vegnir in casa liberamente. Gh’ho speranza che sior Pantalon se contenterà. El dise che nol vol, ma el xe tanto bon, che el farà po a mio muodo.

PASQUAL. Betina, seu sola?

BETT. Cossa védio! Vu qua? Chi v’ha dao licenza che vegnì in casa?

PASQUAL. Compatime, no ho podesto far de manco. Qua no gh’è tempo da perder. Bisogna che vegnì con mi.

BETT. Pian pian, sior, co sto bisogna che vegnì con mi. No son miga vostra mugier.

PASQUAL. Sarè mia mugier, se vegnirè con mi.

BETT. Moda niova. Prima andar col novizzo, e po sposarse? No, fradel caro, l’avè falada.

PASQUAL. Dove credeu che ve vogia menar?

BETT. Sposème, e po vegnirò dove che volè.

PASQUAL. Via, destrighemose, demose la man.

BETT. Sì ben, maridemose co fa i cani. Me parè un bel mato.

PASQUAL. Se savessi tuto, no diressi cussì.

BETT. Cossa ghe xe da niovo? Ho ben da saverlo anca mi. Senza de mi, no se fa la festa.

PASQUAL. Mio pare no vol che ve sposa. Sior Pantalon no vol che me tiolè. Ghavemo tuti contrari.

BETT. Donca cossa voleu far? Menarme per el mondo a cantar de le canzonete?

PASQUAL. Ve menerò in casa de sior marchese.

BETT. Bravo! Pulito! M’imagino che sior marchese sarà contento.

PASQUAL. Anzi el me l’ha dito elo. L’ha tacà lite per causa mia co sior Pantalon; el me vol un ben de vita, e el me aspeta a casa co la novizza.

BETT. E mi ho da vegnir in casa de colù?

PASQUAL. Sì ben. Perché no?

BETT. El xe vegnù in casa mia a far el squinzio58; el me voleva dar un per de rechini, el me voleva tocar la man, e me menar a casa soa?

PASQUAL. Oh, cossa séntio? Marchese maledetonazzo! Adesso intendo el ben che el me vol. No no, fia mia, no ve meno più, no ve dubitè. Mi, povero gonzo, ghe credeva; ma vu m’avè fato averzer i occhi, e mio pare sa quel ch’el dise. Donca l’è vegnù qua... el voleva sior sì, e ste cosse.

BETT. Sì ben, ma el se podeva licar i dei59.

PASQUAL. Oh, che cagadonao de marchese!

BETT. El l’aveva pensada ben lu, ma no la ghe xe andada fata.

PASQUAL. Ma donca cossa avemio da far? Se ghavemo contra mio pare e sior Pantalon, e se me manca la protezion de sior marchese, no so che ripiego trovar.

BETT. Pazenzia, caro fio, el cielo ne assisterà.

PASQUAL. Ho paura de perderve.

BETT. No ve dubitè.

PASQUAL. Ah Betina, se me volessi ben!

BETT. Sto cuor xe tuto vostro.

PASQUAL. Anemo, adesso xe el tempo de farme veder che me volè ben. Semo soli, nissun ne vede, nissun ne sente. Tiolè suso la vostra roba, e scampemo via.

BETT. Mi scampar via? Betina far un azion de sta sorte? Pasqualin, no m’avè gnancora ben cognossua. Ve vogio ben de tuto cuor, con tute le viscere, ma no vogio perder per causa vostra la mia reputazion. No serve, che me disè: andemo, che ve sposerò. Co s’ha fato el mal, col matrimonio se ghe remedia; ma no bisogna far mal, per aver po da cercar el remedio. Anca che fusse vostra mugier, tute me mostrerave a deo, tute le dirave: varè quela che xe scampada de casa soa. Manco mal che el l’ha sposada. E anca vu, con tuto el ben che me volè, co fussi in còlera, me daressi de le botonae60, e me crederessi capace de far coi altri quelo che avesse fato con vu.

PASQUAL. Ma, care raìse, cossa avemio da far?

BETT. Volerse ben e aver pazenzia.

PASQUAL. Sior Pantalon ve mariderà con qualchedun altro.

BETT. Oh, questo po no.

PASQUAL. Missier pare me manderà via de Venezia.

BETT. Bisognerà che l’obedì.

PASQUAL. E Betina?

BETT. E Betina v’aspeterà.

PASQUAL. No, cara, ve stuferè61.

BETT. Piutosto morirò, che lassarve.

PASQUAL. Sento che me crepa el cuor.

BETT. No me fe pianzer, per carità.

PASQUAL. Ve vogio tanto ben.

BETT. Me sento morir.

PASQUAL. Ah, Betina, se destruzemo in lagreme, e poderessimo esser contenti.

BETT. Come?

PASQUAL. Se volessi vegnir con mi.

BETT. Se me volè ben, no me lo disè mai più.

PASQUAL. troppo ustinada.

BETT. So una puta onorata.

PASQUAL. Ve sposerò.

BETT. E alora vegnirò con vu.

PASQUAL. E intanto?

BETT. E intanto vogième ben.

PASQUAL. E se intanto morisse?

BETT. Morir piutosto, ma se salva l’onor.

 

 

 





p. -
58 Il galante, l’innamorato.



59 Far a meno.



60 Vale a dire qualche parola mordente, sbottoneggiare.



61 Vi verrete a noia.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License