Carlo Goldoni
La putta onorata

ATTO SECONDO

SCENA UNDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA UNDICESIMA

 

Menego Calnello e detti.

 

MEN. Olà, sior fio, v’ho trovà sul fato mi. Cossa feu in casa de sta petegola?

PASQUAL. (Rimane mortificato)

BETT. Via, via, no strapazzè, che finalmente son una puta da ben e onorata.

MEN. Sì ben, sì ben, onorata. La va via la barca de Padoa62, la va via! Anemo, sior desgrazià, fuora de qua subito, e a casa sta sera faremo i conti.

PASQUAL. Missier pare, ve domando perdonanza...

MEN. Adesso, adesso te dago la perdonanza co una dozena de pugni. Batevela, sior puoco de bon.

PASQUAL. (Povera Betina! Me despiase per ela! Me sento el cuor ingropà). (da sé, piangendo parte)

 

 

 





p. -
62 Come la barca di Padova è comune a’ passeggieri, così qui il gondoliere intende di dire a Bettina, che sia donna comune.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License