Carlo Goldoni
La putta onorata

ATTO SECONDO

SCENA DODICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DODICESIMA

 

Bettina e Menego

 

MEN. Fifa, fifa63, bernardon maledeto. (dietro a Pasqualino)

BETT. (L’ho dito, che se el vegniva in casa, nasceva qualche precipizio). (da sé)

MEN. E cussì, siora, che pretension ghala sora quel puto?

BETT. Mi? Gnente.

MEN. Cossa vienlo in casa vostra?

BETT. Mi no l’ho chiamà.

MEN. Se no l’avè chiamà sta volta, l’averè chiamà un’altra.

BETT. In casa mia nol ghe xe mai più vegnù.

MEN. Eh via!

BETT. No, da puta.

MEN. Zito, no disè ste brute parole.

BETT. Ma, caro missier Menego, sento che me tochè sul viso, e no posso più taser. Sì ben, vostro fio me fa l’amor, lu me vol ben a mi, e mi ghe ne vogio a elo, e s’avemo anca promesso; e giusto per causa vostra, siben in casa mia nol ghe xe mai vegnù, el s’ha tiolto sta libertà. Sì ben per causa vostra tuto lagreme e desperà, el xe vegnù a tentarme de scampar via. No l’ho volesto far, perché son una puta onorata; e vu me botizè, me strapazzè, me tiolè in cativo conceto! Pazenzia, tuto sofrirò per amor del mio Pasqualin. (piange)

MEN. (Poverazza! Adesso adesso pianzo anca mi). (da sé) Se lo volevi per mario, l’aveva da saver anca mi.

BETT. Tocava fursi a mi a vegnirvelo a dir? Nualtre povere pute cerchemo onoratamente de maridarse. Se vien un zovene a parlarne, e se el ne vol per mugier, no ghavemo miga l’obligo de saver se el pare sarà contento. Contenteve, missier Menego, che avè da far con una puta da ben, che un’altra fursi a stora la v’averave fato deventar nono, avanti che deventessi missier64.

MEN. Fia cara, no so cossa dir. Ve compatisso, ma vedè che mio fio nol xe in stato de maridarse. El xe ancora zovene, e nol gh’ha muodo de mantegnir la mugier.

BETT. Mi no gh’ho pressa. Aspeterò quanto che volè.

MEN. (El babio65 no xe cativo, el moto no me despiase. Adessadesso el pare scomenza a vogar sul remo66 a so fio). (da sé)

BETT. (Me par ch’el vaga un pocheto molando67). (da sé) Via, caro missier , abiè compassion de mi, no me lassè morir da la desperazion. So che un omo proprio, un omo da ben: gh’ho speranza che con mi no sarè crudel.

MEN. (Per diana, che ste lagreme le me muove per un altro verso). (da sé)

BETT. Sì ben, ve cognosso che me volè ben. Caro missier, lassè che ve basa la man.

MEN. Tiolè pur, fia mia.

BETT. Diseme niora, se me volè consolar.

MEN. Tuto quel che volè.

BETT. Oe, no strenzè tanto, che me fe mal.

MEN. cussì delicata?

BETT. Via via, no me tochè i brazzi.

MEN. Se sarè bona con mi, mi sarò bon con vu.

BETT. Come? Cossa intenderessi de dir?

MEN. Mio fio no gh’ha né bezzi, né giudizio. Piutosto tendeme a mi.

BETT. Vostro fio el gh’ha più giudizio de vu, sior toco de vecchio mato. Andè via subito de sta casa. Gran cossa de sti malignazi omeni, che se i vede una dona, subito i se ingaluzza, e se i ghe toca una man, subito i perde el giudizio; e i vecchi i xe pezo dei altri. Vardè qua el bel sugetto! El cria al fio; nol vol ch’el fio fazza l’amor e po, chi ghe tendesse, el saria capace de far elo, quelo che el fio no xe capace de far. Sentì, o tardi, o bonora, Pasqualin sarà mio mario, e vu ve renego de missier, de parente e de prossimo.

MEN. Via, via, siora, no la se scalda el figao68. Credeva de trovar bonazza69, e per questo sperava anca mi poder dar una scorsizada per sto canal; ma perché vedo che s’ha levà vento, e la barca fa maresei, e perché no me piase vogar co la corente contraria, dago una gran siada. No ve pensè però miga che vaga a desparechiar, o che me cazza in t’una cavana a dormir; me ligherò a un palo; intresserò co la barca el canal, aciò, se no vogo mi, paroncina cara, no vegna gnanca a vogar mio fio. (parte)

 

 

 





p. -
63 Piangi, piangi.



64 Suocero.



65 Viso.



66 Comincia ad essere rivale.



67 Cedendo.



68 Non s’adiri.



69 Tutto questo ragionamento allegorico, tratto dal vogare e dalla barca, significa ch’egli credea trovare amor per sé; che vedendo la donna brusca, si ritira, ma contrasterà agli sponsali di suo figliuolo.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License