Carlo Goldoni
La putta onorata

ATTO SECONDO

SCENA QUATTORDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUATTORDICESIMA

 

Catte, Pasqualino e detta.

 

CAT. Povereto! Vien qua, fio mio. (a Pasqualino)

BETT. Oh povereta mi! Coss’è sta cossa? So pare xe andà via adesso. No l’avè incontrà?

CAT. Eh, sì ben che l’ho visto. Giusto vegniva mi a casa, che Pasqualin voleva andar via. El pianzeva come un desperà. El m’ha fato pecà, e mi l’ho serà in magazen. So pare xe andà via, e mi l’ho tornà a menar de su.

BETT. Presto presto, ch’el vaga via.

PASQUAL. Ah cagna! Me volè veder morto.

BETT. Ma, cossa ogio da far? No sentìu che sussuri?

CAT. Uh, mata che ti xe! Senti, sorela, co l’è fata, l’è fata. Co sarè sposai, se giusterà tuto.

PASQUAL. L’è quela che digo anca mi.

BETT. Ma come avemio da far a sposarse? Voleu che lo femo qua? Qua no se pol; no ghe xecompari, né testimoni.

CAT. Fe una cossa, Pasqualin, deghe el segno, e domatina ve andarè a sposar.

PASQUAL. Betina, se ve lo darò, lo tioreu el segno?

BETT. El segno?

PASQUAL. Sì ben; ve darò sta turchese.

BETT. Quela turchese?

CAT. Via via, no far la vergognosa, che ti ghe n’ha più vogia de elo.

PASQUAL. Deme la man.

BETT. Mi no.

PASQUAL. Come voleu che fazza a meterve el segno?

BETT. Me lo meterò mi da mia posta.

CAT. Vegnì qua, vegnì qua. Cussì se fa. (aiuta Pasqualino a metter l’anello in dito a Bettina)

PASQUAL. Oh cara! (le stringe la mano)

BETT. Via, sior baron.

PASQUAL. Semo promessi.

BETT. Ma no semo sposai.

CAT. De diana! avemo dao el segno senza far un puoco de nozze? Gnanca se fossimo tanti pitochi.

BETT. Eh, gh’ho altro in testa che nozze!

PASQUAL. Se missier pare el savesse, povereto mi!

CAT. Vostro pare el xe andà via e nol se insonia che siè qua. Adesso ghavemo un puoco de libertà. Poderessimo star un pocheto alegramente. Disè, Pasqualin, ghaveu bezzi?

PASQUAL. Mi no gh’ho altro che do ducati d’arzento; ve ne darò uno, tiolè.

CAT. Cossa voleu? Anca questo xe qualcossa. Tioremo un poco de moscato e un poco de buzzolai. Dèmelo, e lassè far a mi.

PASQUAL. Xe tanto che ghe fava le spese.

CAT. E co niovo che el xe.

PASQUAL. Ma no voria che perdessimo tempo, e che vegnisse zente.

CAT. Fe una cossa. Se volè, andè via. Se tioremo qualcossa per nu. Un bel galan70 per la novizza.

BETT. (Maledeta! La gh’ha magnà el ducato). (da sé)

PASQUAL. E a mi del ducato no m’ha da tocar gnente?

CAT. Oh che caro mato! Sì, fio, tuto; ti xe paron de casa! Evviva i novizzi; evviva i novizzi.

 

 

 





p. -
70 Nastro.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License