Carlo Goldoni
La putta onorata

ATTO SECONDO

SCENA DICIASSETTESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DICIASSETTESIMA

 

Catte e detti.

 

CAT. Puti, puti, povereta mi! Xe qua sior Pantalon.

BETT. Oh, ve l’ho dito. No la finivi mai d’andar via. (a Pasqualino)

PASQUAL. Dove xelo?

BETT. L’ho visto ch’el vien in gondola. L’ariva giusto adesso su la fondamenta.

PASQUAL. Cossa ogio da far!

BETT. No so gnanca mi.

CAT. Fe una cossa. Caleve zoso da quel balcon.

BETT. Certo, povereto! Che vogio che el me se copa!

PASQUAL. Eh, el xe basso, no ghabiè paura.

BETT. No vogio, no vogio.

CAT. Velo qua ch’el vien.

PASQUAL. Varè come che se fa. (corre, e salta dalla finestra)

BETT. Oh povereta mi! (corre alla finestra)

CAT. Lassa ch’el vaga, che dei omeni no ghe ne manca.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License