Carlo Goldoni
La putta onorata

ATTO SECONDO

SCENA VENTIQUATTRESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA VENTIQUATTRESIMA

 

Pantalone, Lelio ed i due gondolieri.

 

PANT. Zente, soccorso, fermèli.

LEL. (Questi è mio padre). (da sé)

PANT. Ti ti è qua? Toco de desgrazià. Ti meriteressi che te mandasse in galìa; ma vien qua, agiùteme in sta ocasion, e te perdono tuto.

LEL. Cos’è questo tu? Che confidenza è questa?

PANT. No ti me cognossi che son to pare?

LEL. Voi mio padre? Che diavolo dite? Io sono di Toscana, e voi di Venezia; come potete esser mio padre?

PANT. Ma no seu vu Lelio Bisognosi?

LEL. Eh pensate! Io son Aristobolo Maccaleppi.

PANT. Me gera stà dito... basta, no sarà vero. (Me pareva impussibile ch’el fio volesse bastonar el pare). (da sé)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License