Carlo Goldoni
La putta onorata

ATTO TERZO

SCENA PRIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO TERZO

 

 

 

SCENA PRIMA

 

Camera in casa del Marchese con tavolino e lumi.

 

La marchesa Beatrice e Scanna usuraio.

 

BEAT. Venite, signor Scanna, venite in questa camera, che parleremo con più libertà.

SCAN. Mi vegno dove che la comanda.

BEAT. Ho premura di venti zecchini. Li ho perduti al gioco sulla parola. Mio marito non me li vuol dare; ed io, che sono una dama d’onore, voglio in ogni forma pagare.

SCAN. Benissimo, la gh’ha rason. Ma come vorla che femo a trovar sti vinti zecchini?

BEAT. Far un pegno.

SCAN. Ghala zoggie?

BEAT. Ho il mio fornimento. Non lo vedete?

SCAN. Ben. Su quello troveremo i vinti zecchini.

BEAT. Ed ho da privarmene?

SCAN. Se la vol i bezzi.

BEAT. (Oh maledetto gioco). (da sé)

SCAN. Cossa disela?

BEAT. (Se non pago il debito, non potrò più giocare, non potrò più andar alla conversazione). (da sé)

SCAN. (Eh, la vien zo senz’altro). (da sé)

BEAT. Via, tenete, vi darò gli orecchini. (Già si usano anco di perle false). (da sé)

SCAN. Oh! i recchini no basta. Cossa porli valer? Vinti ducati?

BEAT. Il diavolo che vi porti! Vagliono cento scudi.

SCAN. Ma i diamanti un zorno i val, un zorno no i val.

BEAT. E così, che facciamo?

SCAN. La me daga anca el zoggielo.

BEAT. Vi darò per venti zecchini il valore di cento doppie?

SCAN. Ben, se la vol de più, ghe darò anca de più.

BEAT. Io non ho bisogno d’altro che di venti zecchini.

SCAN. Questi la li ha da pagar; e no la vol gnente per tentar de refarse?

BEAT. Via, ne prenderò trenta, ma quanto vi darò di usura?

SCAN. Usura! La me perdona, mi no togo usura.

BEAT. Dunque...

SCAN. La farà el solito, quel che fa i altri. Sedese soldi per ducato el primo mese, e do soldi per ducato i altri mesi per un anno, con patto che se no la le scode drento de l’anno, le zoggie sia perse.

BEAT. E se io le riscotessi in tre o quattro giorni?

SCAN. Tant’e tanto bisogna pagar i sedese soldi per ducato del primo mese.

BEAT. E non è usura?

SCAN. El xe negozio.

BEAT. Vi vuol pazienza. (Maledetto gioco!) (da sé)

SCAN. Se la vol i so bezzi, ghe li dago subito.

BEAT. Mi farete piacere.

SCAN. La vegna qua, zecchini tutti de peso. (I cala almanco sie grani l’un). (da sé)

BEAT. Mi fido di voi.

SCAN. Uno, do, tre, quattro... (numerando i zecchini)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License