Carlo Goldoni
La putta onorata

ATTO TERZO

SCENA NONA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA NONA

 

Pantalone con lanterna, e detti.

 

PANT. Ah cagadonao, ti xe qua? (a Lelio)

LEL. (Maledettissimo incontro! Mio padre ha preso a perseguitarmi). (da sé, fugge via)

PANT. Siora Cate, cossa vedio? Qua a stora? Cossa xe de Betina? Cossa fevi qua co mio fio?

CAT. Oh, caro sior Pantalon, quante lagreme che ho trato! Quanta passion ch’ho abuo! Semo stae chiapae tute do, come che l’ha visto. I n’ha menà no so dove, e i m’ha desligà mi, e i ha fato che vaga via. De mia sorela no ghe n’ho mai più savestoniova, né imbassada.

PANT. E co mio fio cossa fevi?

CAT. So fio el xe quel martuffo82? Mi gnanca no lo cognosso. A stora no ghe vedo, e no so andar a casa. El s’aveva esebìo de compagnarme, e mi m’aveva tacà al partìo.

PANT. Gran desgrazià che xe colù! Siora Cate, mi gh’ho do gran travagi. Uno xe aver un fio cussì baron, che de pezo no se pol dar. L’altro aver perso cussì miseramente Betina. Per el primo sta note ghe remedierò. Ho trovà i zaffi, gh’ho la bona man, acciò che i lo liga, e che i ghe fazza per sta volta un poco de paura, e un’altra volta po ghe la farò dasseno. Per el secondo no so cossa dir; no so da che cao principiar. Gh’ho suspeto sul marchese. Dubito de Pasqualin. Gh’ho dei omeni che zira per mi. Farò tanto, che vegnirò in chiaro de la verità; e chi me l’ha fata, zuro da mercante onorato, che me l’averà da pagar. (parte)

 

 

 





p. -
82 Allocco, uomo grossolano.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License