Carlo Goldoni
La putta onorata

ATTO TERZO

SCENA UNDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA UNDICESIMA

 

La marchesa Beatrice mascherata in bauta, Bettina in vesta e zendà colla moretta,

zervitore col lampione, e detta.

 

BEAT. Così è. L’acqua mi fa male: non posso andar in barca e vado per terra.

BETT. Dove andemio, lustrissima?

BEAT. Alla commedia.

BETT. La me compatissa, no me par che la sia sera da andar alla comedia.

BEAT. Vi dirò: vado al teatro e vi conduco meco appunto per consegnarvi ad una mia parente, che troverò colà senz’altro.

BETT. Se me trova sior marchese, povereta mi!

BEAT. Se siete meco, non ardiràmen di mirarvi.

CAT. Betina, xestu ti?

BETT. Oimei! Tremo tuta. Chi è che me menzona?

CAT. No ti cognossi Cate to sorela?

BETT. Vu ?

CAT. Son mi, sorela.

BETT. Oh cara, lassè che ve chiapa a brazzacolo.

CAT. Sì, vien qua che te basa. (si abbracciano)

BEAT. Chi è questa?

BETT. Mia sorela.

CAT. Son una dona da ben, sala? Cossa ghala paura? (alla Marchesa)

BETT. Coss’è de Pasqualin? (a Catte)

CAT. Oe, no l’ho gnancora visto. M’ho perso in sta cale, e no sodove che sia, né dove che vaga.

BETT. Sorela cara, no posso più. Se no lo vedo, muoro seguro...

CAT. Dime, come xela andada?

BETT. Te conterò. Oh che cossazze!

CAT. E el marchese?

BETT. Giusto elo, quel bogia.

CAT. Ghe xe radeghi83?

BETT. In materia de che?

CAT. Se ti m’intendi?

BETT. Oh, gnente.

CAT. No xe puoco.

BETT. Gramarzè a sta lustrissima.

CAT. Chi xela?

BETT. So mugier.

CAT. Oh, cossa che ti me conti!

BEAT. E così, l’avete ancora finita? (a Bettina)

BETT. Adesso, lustrissima, vegno. E de sior Pantalon?

CAT. L’è passà de qua giusto adesso. El deventa mato.

BETT. Poverazzo! El me fa pecà.

BEAT. L’ora vien tarda. La commedia sarà principiata. (a Bettina)

CAT. Ti va a la comedia? (a Bettina)

BETT. Sì, per forza.

CAT. Oh, se podesse vegnir anca mi!

BETT. Lustrissima, se contentela che vegna anca mia sorela?

BEAT. Senza maschera?

CAT. Eh, m’imbaucherò col zendà, no la se indubita.

BEAT. Andiamo. (s’avanza col servitore)

BETT. No ghe n’ho gnente de vogia. (a Catte)

CAT. Vien via, che .

BETT. Pianzerave più volentiera.

CAT. Uh, che cossa freda!

BEAT. Andate avanti, ragazza.

BETT. Lustrissima sì. Quanto più volentiera andarave a filò col mio Pasqualin!

CAT. Anca mi, lustrissima?

BEAT. Sì, anche voi.

CAT. Siela benedetta!

BEAT. Voglio vedere se in questa notte posso terminar quest’affare. Già Pasqualino è avvisato. (partono tutte tre col servitore)

 

 

 





p. -
83 C’è mancamento? C’è che dire?



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License