Carlo Goldoni
La putta onorata

ATTO TERZO

SCENA DODICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DODICESIMA

 

Veduta del Canal Grande con gondole. Da una parte il casotto di tavole, che introduce in teatro. Più in qua la porta per dove si esce di teatro, ed il finestrino ove si danno i viglietti della commedia. Un ragazzo, che grida di quando in quando: A prendere i viglietti, siore maschere; diese soldi per uno, e el pagador avanti, siore maschere. Dall’altra parte una banchetta lunga per quattro persone.

Ed i fanali qua e , come si usa vicino ai teatri.

 

Passano varie maschere, e vanno alcune a prendere viglietti, indi entrano nel teatro, e alcune vanno senza viglietti; poi passa Nane barcaiuolo col lampione conducendo maschere al teatro; poi il servitore con il lampione, conducendo la marchesa Beatrice, Bettina e Catte al teatro; poi Menego Cainello con il Marchese e quattr’uomini, che vanno al teatro. E il Ragazzo di quando in quando grida: a prender i viglietti ecc.; poi si sente di dentro gridare: Qua, se la va fuora. S’apre una porta, da dove escono Menego e Nane coi lampioni

 

MEN. Compare Nane, sioria vostra.

NAN. Sana, compare Menego.

MEN. Olà, v’èla passada?

NAN. De cossa?

MEN. De quel bocon de criada.

NAN. No me ne recordo gnanca più, varè.

MEN. Co semo in pope, nemici, co semo in tera, amici e fradei carnali.

NAN. Bisogna de le volte criar per reputazion, siben che no se ghe n’ha vogia.

MEN. Per cossa credistu che no abia indrio? Per el paron? Gnanca in te la mente. Made. L’ho fato, perché ghe giera cinquanta barcarioi che me vedeva, e se siava, i me dava la sogia.

NAN. Ghastu el paron a la comedia?

MEN. Compare sì.

NAN. Anca mi son con un foresto, che xe arivao sta matina. L’ho servio de l’altre volte, e nol me fa torto.

MEN. La stichelo?

NAN. Aria granda.

MEN. Ghalo la machina84?

NAN. No se salo.

MEN. Caro ti, cóntime.

NAN. Andemo al maga.

MEN. Made, tiremose a la bonazza85.

NAN. El zagnuco refila86.

MEN. Che cade. Con un scalfo de chiaro87, la giusteremo. Vien qua, picolo dai boletini. (al Ragazzo)

RAG. Piase?

NAN. Chiò sto da vinti, vane a chior un boccal de quel molesin. Dighe al capo che te manda Cainelo; ch’el te daga de quelo che el ai so amici. Astu inteso?

RAG. Sì ben.

MEN. Fa presto; no te incantar, che te darò una gazzeta88.

RAG. In do salti vago e vegno. (parte)

MEN. Sentemose, camerata?

NAN. Son qua.

MEN. Dime, com’èla de sto foresto?

NAN. Ben. El me a mi solo un ducato al zorno, e da magnar e da bever; e col vol andar a do remi, el paga lu quel de mezo.

MEN. Bisogna ch’el sia molto rico.

NAN. Ho sentio da un camerier de la locanda, ch’el xe del so paese, che i soi no i gh’ha pan da magnar.

MEN. Donca, come la stichelo?

NAN. Oe, co le sfogiose89.

MEN. E el mantien la machina?

NAN. O ela lu, o lu ela.

MEN. Tienla conversazion?

NAN. Flusso e reflusso.

MEN. A la locanda?

NAN. Sì ben, a la locanda. Cossa credistu che sia le locande?

MEN. Xela bela sta to parona?

NAN. O de so piè o de so man90, la fa la so maledeta figura.

MEN. Abitazzi?

NAN. Aria e ganzo.

MEN. Zogie?

NAN. Diamanti da Muran91 superbonazzi.

MEN. El paron xelo zeloso?

NAN. Sì ben, zeloso. El se leva la matina a bonora, e el liogo a la fortuna.

MEN. Senti, anca el mio paron xe de bon stomego.

NAN. Ma la to parona no xela so mugier?

MEN. Sì ben, ma cossa importa? I usa cussì. Moda niova, moda niova.

NAN. Come stalo de bezzi el to paron?

MEN. Giazzo tanto che fa paura92.

NAN. E sì mo, tanto lu che ela i fa una fegurazza spaventosa.

MEN. Senti, un de sti zorni: ora mi vedete, ora non mi vedete.

NAN. Vorlo falir?

MEN. Eh, sti siorazzi no i falisse, i se tira in campagna, i licenzia la servitù, i zuna un per de ani, e po i torna a Venezia a sticarla.

NAN. I dise che so mugier la zioga a rota de colo.

MEN. E chi ha d’aver, aspeta.

NAN. L’altro zorno m’è sta dito che i ha fato un disnar spaventoso.

MEN. Domandeghelo al galiner, che ancora l’ha d’aver i so bezzi del polame.

NAN. E ti i to bezzi te li dali?

MEN. Piase! Se i vol che laora.

 

 

 





p. -
84 Donna di partito.



85 Dove non si sente aria.



86 Tira vento, è freddo.



87 Con un boccale di vino.



88 Due soldi.



89 Colle carte da giuoco.



90 O naturalmente, o per artifizio.

(



91) Vetri.



92 È al verde, non ha quattrini.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License