Carlo Goldoni
La putta onorata

ATTO TERZO

SCENA QUATTORDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUATTORDICESIMA

 

Tita dalla porta del teatro, e detti.

 

MEN. Compare, vegnì a nu. (a Tita)

TIT. Compare, pania?

NAN. Degneu vegnir a nu? (a Tita)

TIT. Son qua.

MEN. Senteve, che tanto se paga. (gli danno da bere)

TIT. Bon da amigo, ma bon do volte. (bevendo)

MEN. A sti musi cussì i ghe lo .

NAN. Calcossa ve l’avè godesta in teatro.

TIT. Mare de diana! Che ho ridesto.

MEN. Gh’è zente?

TIT. A marteleto94.

MEN. Piaseli?

NAN. Poverazzi! i se inzegna; ma ti sa cossa xe sto paese. Qua se fa acceto a tuti; lori se sfadiga, e la zente ghe coragio. (si sente di dentro in teatro batter le mani, e dir bravo, bravo)

MEN. Oe, senti che bocon de fracasso! (si torna a sentire l’applauso)

TIT. Via, che la vaga.

MEN. Ghe xe assae barcarioi drento?

TIT. Pi de cento.

MEN. Co la piase ai barcarioi, la sarà bona. Nualtri semo queli che fa la fortuna dei comedianti. Co i ne piase a nu, per tuto dove ch’andemo, oh, che comedia! oh, che comedia! oh, che roba squesita! In teatro, co nu sbatemo, sbate tuti, e anca a nu ne piase el bon. No ghe pensemo né de diavoli, né de chiassi; e ghavemo gusto de quele comedie che gh’ha del sugo.

 

 

 





p. -
94 In grandissima quantità.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License