Carlo Goldoni
La putta onorata

ATTO TERZO

SCENA QUINDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINDICESIMA

 

Un capitano degli sbirri co’ suoi uomini, poi Lelio, e detti.

 

NAN. Oe, la peverada95.

TIT. Fali la sguaita a qualchedun?

NAN. Chi sa, i va cercando el mal co fa i miedeghi.

MEN. Eh gnente. I va per tuti i teatri, e i fa ben. Cussì i tien neto dai ladri.

LEL. (Oh cari! Tre barcaruoli che se la godono assieme! Oh che bella conversazione!) (da sé)

MEN. Chi èlo sto sior, che ne va lumando96? (a Nane)

TIT. Comandela barca?

LEL. Padron Tita, siete voi?

TIT. Oh sior Lelio, la xe ela?

MEN. Chi èlo? Qualchedun de queli de la marmotina? (a Titta)

TIT. El xe patrioto nostro venezian, arlevao a Livorno.

NAN. Col xe venezian, ch’el vegna. Comandela? (a Lelio)

MEN. Via, a la bona; e viva la patria. (a Lelio, e gli danno da bere)

LEL. Questo vin el ghe xe bon, el ghe me piase assai97. (vuol parlar veneziano, e non sa)

MEN. Me ghe xe consolo tanto. (burlando)

LEL. Quando voleseu che andesemo a vogar in palugo?

MEN. Sala voghesar? (come sopra)

LEL. Una volta ghe xera bravo.

NAN. Oh che caro papagà!

LEL. Quanto che me piaseu! Me lasseseu che me sia sentao?

MEN. Mi lasso che ve comodar. (Lelio siede)

LEL. Caro vechio, dasemene un altro fiao. (torna a bere)

NAN. Comodeve, compare desnombolao.

 

 

 





p. -
95 I birri.



96 Guardando.



97 Il parlre di Lelio è qui veneziano contraffatto da lui, per acquistar grazia dalla compagnia, e mostrar che sa parlare.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License