Carlo Goldoni
La putta onorata

ATTO TERZO

SCENA DICIOTTESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DICIOTTESIMA

 

Pasqualino e detti.

 

PASQUAL. Oh fortuna traditora, dove mai xe andada la mia Betina?

BETT. (Caro el mio ben, se te podesse dir che son mi!) (da sé)

BEAT. (Ecco appunto Pasqualino; l’ho mandato a cercar apposta). (piano a Bettina)

BETT. (A posta? Per cossa?) (piano a Beatrice)

BEAT. (Apposta per voi).

BETT. (Per mi? Ma cossa ghe n’ogio da far?)

BEAT. (Non vi ha promesso?)

BETT. (Lustrissima sì)

BEAT. (Bene, andate con lui).

BETT. (Oh, questo po no. No l’è gnancora mio mario)

BEAT. (E per questo?)

BETT. (Son una puta onorata).

BEAT. (Bel carattere ch’è costei!) (da sé)

PASQUAL. La parona m’ha mandao a cercar. La m’ha fato dir che l’aspeta qua. Cossa mai vorla? Ah dove xe mai andada la mia Betina? Xela scampada via? M’ala tradio? M’ala abandonà? Sento che me manca el respiro.

BEAT. (Miratelo, se non fa compassione). (a Bettina)

BETT. (Se podesse, lo consolarìa).

BEAT. (Perché non potete?)

BETT. (Perché no son so mugier).

BEAT. (Almeno datevi da conoscere).

BETT. (Se me dago da cognosser, lu me vol ben a mi, mi ghe vôi ben a elo, no so cossa che possa succeder).

BEAT. (Siete troppo rigorosa).

BETT. (Son una puta onorata).

BEAT. (Costei è rara come la mosca bianca). (da sé)

PASQUAL. Quele do maschere le me varda. Saravela mai la parona? Me par che quelo sia el so tabaro. E quel’altra co la vesta e col zendà e co la moreta saravela mai Betina? Oh, el ciel volesse che la fusse ela! (da sé)

BEAT. (Eh via, finiamola). (a Bettina)

BETT. (No certo, più tosto scampo via). (a Beatrice)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License