Carlo Goldoni
La putta onorata

ATTO TERZO

SCENA VENTUNESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA VENTUNESIMA

 

Camera terrena in casa del marchese Ottavio.

 

Menego col lampione, e Lelio

 

MEN. Donca vostro sior pare ve vol far cazzar in preson?

LEL. Pur troppo.

MEN. Mo perché?

LEL. Perché è pazzo. Pretenderebbe che io facessi a suo modo, e sento che la natura vi repugna.

MEN. Sentì, sior, mi v’ho defeso e v’ho liberao da le man dei zaffi, perché no i gh’aveva ordene de chiaparve, e perché la xe tropa temeritae de colori vegnir in t’un bozzolo98 de galantomeni a far un afronto. Da resto ve digo che i fioi i ha da obedir so pare: e co i buta tressi99, el pare fa ben a castigarli e no filarghe el lazzo, perché col tempo i fioi cattivi i se scusa col dir ch’el pare li ha mal usai.

LEL. Ma se tutto quello che piace a mio padre, non piace a me? S’io fossi, per esempio, vostro figlio, e avessi a fare la vita che fate voi, sarei tutto contento.

MEN. Poderia esser che ve stufessi, perché la xe una bela cossa vogar per spasso e per devertimento; ma vogar e note, a piove, a giazzi, a neve, col vento, col scuro, con quei malignazi calighi: el xe un devertimento, che se podesse, ghe ne farave de manco volentiera.

LEL. Tant’è; ognuno ha la sua passione, ed io ho questa.

 

 

 





p. -
98 In un cerchio.



99 Di mal costume.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License