Carlo Goldoni
La putta onorata

ATTO TERZO

SCENA VENTITREESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA VENTITREESIMA

 

Pantalone e detti.

 

PANT. Messier Menego, se pol vegnir? (di dentro)

MEN. Chi è? Vegnì avanti.

LEL. Meschino me! Mio padre.

PANT. Ah, ti è qua, desgraziao? Me maraveggio de vu, messier Menego, che tegnì terzo a sta sorte de baroni, a sta sorte de scavezzacoli. Me xe stà dito, ch’el xe vegnù qua. Ho domandà de sior marchese. I m’ha dito che nol ghe xe, ma non ostante ho volesto vegnirme a sincerar. L’ho trovà sto desgrazià, sto furbazzo.

PAS. Sior Pantalon, cussì la parla de so fio?

PANT. Cara nena, se savezzi co mal che l’ha butà, me compatiressi. Quanto che giera megio che l’avessi sofegà in cuna.

MEN. Mo cossa ghalo fatto?

LEL. Niente, niente affatto.

PANT. Gnente ti ghe disi, volerme bastonar?

LEL. Io non vi conoscevo.

PANT. E andar tutt’el all’osteria a ziogar a la mora, a bever sempre con zente ordenaria, no ti ghe disi gnente?

LEL. In questo avete ragione; ma io non ne posso far a meno.

PANT. Oh, ben. Co la xe cussì, parechiete de andar lontan da to pare. Za ho parlà col capitan d’una nave, che xe a la vela. Ti anderà in Levante; ti farà el mariner; cussì ti sarà contento.

PAS. (Oh povereto! No voria che ghe sucedesse sta cossa). (da sé)

LEL. Io in Levante? Quanto siete buono!

PANT. Vu in Levante, sior sì; e se no ghanderè per amor, ghanderè per forza. Aspetto che vegna a casa sior marchese per usarghe un atto de respeto, e po, sier poco de bon, vederè cossa ve sucederà.

LEL. Eh, giuro al cielo, non so chi mi tenga... (minacciando Pantalone)

MEN. Alto, alto, fermeve. (si frappone)

PANT. Come! A to pare? Manazzi a to pare? Adesso. Presto. I zaffi i xe da basso; oe, dove seu? Mio fio me vol dar. (verso la porta)

PAS. (Povero mio fio, son causa mi de la so rovina). (da sé)

MEN. Mo via, la se quieta, che giusteremo tuto.

PANT. No gh’ho bisogno dei vostri consegi. Quando un fio ariva a perder el respeto a so pare, nol merita compassion. Vogio che el vaga in preson.

PAS. Ah Pantalon, quieteve per carità.

PANT. No me stè a secar.

PAS. Volè in preson vostro fio?

PANT. Sì ben, in t’un cameroto.

PAS. Mo nol ghanderà miga, vedè.

PANT. No! per cossa?

PAS. (Cossa fazzio? Parlio, o no parlio? Se taso, el va in preson. Oh povereta mi! Bisogna butarla fuora). (da sé) Perché nol xe vostro fio.

PANT. Nol xe mio fio? Oh magari! Come xela, nena, come xela?

PAS. Adesso che lo vedo in sto gran cimento, no posso più taser. Sapiè che mi ve l’ho baratà in cuna.

PANT. Mo de chi xelo fio?

PAS. De mi e de mio mario.

MEN. Piase? (a donna Pasqua)

PAS. Sì ben, caro vu, ho credesto de far ben. Ho fato aciò che el fusse ben arlevà; che no ghe mancasse el so bisogno; e che el deventasse un puto cossediè101.

MEN. Brava! Avè fato una bela cossa.

PANT. E del mio cossa ghe n’aveu fato?

PAS. El xe Pasqualin, che crede d’esser mio fio.

PANT. Pasqualin? Sì ben. Ve credo. La sarà la verità. Pasqualin gh’ha massime civili e onorate, e costù gh’ha idee basse e ordenarie. Se cognosse in Pasqualin el mio sangue; in Lelio el sangue d’un servitor. Tegnive donca la vostra zogia, e lassè che me vada a strucolar102 el mio caro fio. A costù ghe perdono, perché vedo che nol podeva operar diversamente da l’esser soo, e la natura no podeva sugerirghe gnente in mio favor. No ve domando mazor testimonianza del cambio; no meto in contingenza sto fato, perché cognosso da ste do diverse nature la verità. Ve digo ben a vu, dona mata, che meriteressi che la mia colera se revoltasse contra de vu, per esser stada la causa de sto desordene: ma el cielo v’ha castigà, perché tentando co ingano de aver un fio vertuoso e ben educà, el xe riuscio pezo assae che se l’avessi arlevà in casa vostra. Onde xe la veritae, che l’ingano casca adosso a l’inganador, che dal mal no se pol mai sperar ben, che de le done tanto xe cativo l’odio quanto l’amor, e che tute vualtre bisognerave meterve a una per una in t’un morter, e pestarve, come se fa la triaca. (parte)

 

 

 





p. -
101 Come si dee. Di garbo.



102 Ad abbracciare stretto e baciare.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License