Carlo Goldoni
La putta onorata

ATTO TERZO

SCENA VENTIQUATTRESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA VENTIQUATTRESIMA

 

Lelio, Menego e donna Pasqua

 

LEL. Madonna, avete detto il vero, o l’avete fatto per liberarmi dalla prigione? (a donna Pasqua)

PAS. No, fio mio, pur tropo ho dito la veritae.

LEL. Io son l’uomo più contento di questo mondo.

MEN. No son miga contento mi.

LEL. Caro padre, perché?

MEN. Perché no me par de star tropo ben, aquistando sto bel fior de vertù.

LEL. Sentite, io ho fatto poco buona riuscita, perché mi volevano far fare una figura lontana dalla mia inclinazione. Datemi una berretta rossa, un remo in mano e una buona barcaruola al fianco, e vederete se riuscirò bene.

MEN. E ti voressi far el barcariol col linci e squinci?

LEL. El ghe xe, parlerò anca mi veneziano.

MEN. Via, che ti fa stomego. Siora mugier, l’avè fata bela.

PAS. Caro vecchio, no so cossa dir. Ho fato per far ben.

MEN. Sangue de diana, che me faressi vegnir caldo.

PAS. Via, caro mario, no andè in colera. Vogième ben che son la vostra vecchieta.

MEN. Se avesse perso un fio bon, me la lassarave passar: ma averghene trovà un cativo, la me despiase. Quanto giera megio che avessi tasesto, e che l’avessi lassà andar in tanta malora. (a donna Pasqua, e parte)

LEL. Questo mio padre mi vuole un gran bene.

PAS. Col tempo el ve vorà ben.

LEL. O bene o male, poco m’importa. Mi pare di esser rinato. Il dover far da signore mi poneva in una gran soggezione. Non vedo l’ora di buttar via questa maledetta perrucca. (parte)

PAS. Voleva taser, ma no ho podesto. A la fin, son so mare, e se perdo sto fio, no so se ghe n’averò altri. Chi sa! Se poderave anca dar. No son tanto vecchia; e el mio caro Menego me vol ben. Causa sto mio fio, che no se avemo malistente103 vardà; ma dopo cena me lo chiapo, e me lo strucolo co fa un limon. (parte)

 

 

 





p. -
103 Appena.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License