Carlo Goldoni
La putta onorata

ATTO TERZO

SCENA VENTISETTESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA VENTISETTESIMA

 

La marchesa Beatrice con Pasqualino al buio, e detta.

 

BEAT. Pasqualino, trattenetevi in questa camera fin che io torno; e acciò non abbiate paura, vi serrerò colla chiave. (forte, sicché Bettina possa sentire)

PASQUAL. Ma perché ogio da star qua?

BEAT. Lo saprete poi. Addio, buona notte. (parte, e chiude l’uscio)

BETT. (Oh povera Betina! Adesso stago fresca). (da sé)

PASQUAL. Anca questa la xe bela. La me cazza in t’una camera a scuro, senza dirme el perché? Cossa ogio da far qua solo e senza luse? Oh, se qua ghe fusse la mia Betina, saveria ben cossa far! Ma sa el cielo dove che la xe. Eh, senz’altro quela cagna sassina la m’ha abandonà, la m’ha tradio.

BETT. (Oh povereta mi, no posso più!) (da sé)

PASQUAL. Credeghe a le done! Tanti pianti, tanti zuramenti, tante mignognole104, e po tolè, la me l’ha fata, la m’ha impiantà.

BETT. (No, anema mia, che no t’ho impiantà). (da sé)

PASQUAL. Ma chi l’averave mai dito! Una puta tanto da ben, che no la me voleva in casa mi per paura de perder la reputazion, che gnanca dopo che gh’ho el segno, no la me voleva tocar la man, andar via, scambiar vita, precipitarse, perder l’onor?

BETT. (Oimè, che dolor! Oimè, che tormento!) (da sé)

PASQUAL. Ah Betina traditora! Ah ladra, sassina del mio cuor!

BETT. (piange forte)

PASQUAL. Olà, coss’è sto negozio? Zente in camera? Qua ghe xe qualche tradimento. Agiuto. Chi è qua? (trova Bettina) Una dona? Oh povereto mi! Creatura, chi seu? Che fusse l’anema de Betina? Ma el xe un corpo e no la xe un’anema. Me sento che no posso più. Almanco per carità parleme, diseme chi . No la me responde. Coss’è sto negozio? Vedo passar una luse per el buso de la chiave. Oe, zente, agiuto, averzime.

 

 

 





p. -
104 Vezzi, moine.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License