Carlo Goldoni
La putta onorata

SONETTO

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SONETTO

 

Co sto vin dolce un prindese vôi far,

Come el debito corre, a chi me sente

E un sonetto dirò, che no val gnente,

Ma che par sta occasion me pol bastar.

 

Vogio co le mie rime ringraziar

Chi xe verso de mi grato e indulgente,

E savendo che son insuficiente,

Tuti i difetti mii sa perdonar.

 

E se Puta Onorata adesso son,

A le pute voltar vogio el mio dir,

E dirghe do parole, ma in scondon.

 

Pute, da amor no ve lassè tradir:

Se onorate sarè, parerè bon,

Piuttosto che far mal, s’ha da morir.

 

 

Fine della Commedia.


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License