Carlo Goldoni
Il viaggiatore ridicolo

ATTO SECONDO

SCENA NONA   Saletta con credenza e tavola.   Giacinto, Livietta ed altri Servitori; indi il Cavaliere, poi la Marchesa

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA NONA

 

Saletta con credenza e tavola.

 

Giacinto, Livietta ed altri Servitori; indi il Cavaliere, poi la Marchesa

 

GIAC.

La tavola avanzate. (ai Servitori)

In tavola portate.

(I Servitori portano innanzi la tavola, e si prepara il pranzo)

LIV.

Frattanto che siam soli,

Parliam del nostro amore.

GIAC.

Sì, Livietta;

Anzi un pensier mi viene

Per spiegarvi davver se vi vuò bene.

Sento nel cor...

CAV.

Giacinto,

Il pranzo è preparato?

GIAC.

signore, è già lesto. (al Cavaliere)

(Un'altra volta, poi, ti dirò il resto). (a Livietta)

CAV.

Eh venite, Marchesa; (verso la scena)

Lasciam che fra di loro

Facciano i complimenti.

Questo perpetuo seccamento usato

Non lo posso soffrir da che ho viaggiato.

MAR.

Anch'io ne son nemica.

CAV.

Don Fabrizio

Non la finisce mai:

Vada lei, passi lei, lei, mio signore...

Don Fabrizio è un buon uom, ma è un seccatore.

MAR.

Via, lasciatelo stare;

Egli è mio cavalier.

CAV.

Quanto ne godo,

Che scoperto mi abbiate il di lui foco!

Ciò servirà per divertirci un poco.

MAR.

Eccolo.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License