Carlo Goldoni
L'amore artigiano

ATTO SECONDO

SCENA DECIMA   Titta e detti.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DECIMA

 

Titta e detti.

 

TIT.

(Entra inchinandosi)

COST.

Oh maladetto!

TIT.

Son qui per il burrò.

COST.

Vattene, seccator; ti chiamerò.

TIT.

Son venuto tre volte.

COST.

E quattro, e sei,

Quante volte mi par, tornar tu dei.

TIT.

Ma il mio tempo, signora...

COST.

Impertinente!

(Affé, ch'io sento gente.

Questa volta senz'altro

La persona sarà ch'è a me sì cara.

Maladetto destino! è la cuffiara). (da sé)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License