Carlo Goldoni
Le virtuose ridicole

ATTO TERZO

SCENA QUARTA   Pegasino e Gazzetta

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Pegasino e Gazzetta

 

PEG.

Ma noi non stiamo ai patti. (irritato)

GAZZ.

Ma noi siamo due matti:

Contendiamo fra noi per una donna

Che, fra i romanzi e fra le poesie,

Ha il cervello ripieno di pazzie.

PEG.

Eh, se sarà mia moglie,

Risanarla saprò.

GAZZ.

Io sì la guarirò,

Quando sarà mia sposa.

PEG.

Poverino!

M'impegno io in due parole

Correggerla, ammonirla,

Farla lasciare i versi, e convertirla.

GAZZ.

Tu non hai tanta forza.

Io solo, io sol potrei

Farla aderire alli consigli miei.

PEG.

Eccola. In questo punto

Facciam prova di noi chi ha più potere.

GAZZ.

A me, per ottener, basta volere.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License